GameStop, perdita da 215 milioni nel 2020. Resta alto l’interesse degli investitori

(Teleborsa) – GameStop, la società al centro della retail mania di inizio anno (che aveva fatto balzare il titolo di oltre il 1600%), ha annunciato i dati finanziari del 2020, che fotografano una società con un giro di affari in contrazione e che sta cercando di spostare il proprio business dalla vendita in negozio al mondo online.

I ricavi della società nei 12 mesi sono diminuiti del 21% a 5,09 miliardi di dollari, in confronto all’esercizio 2019. Le vendite globali tramite e-commerce sono aumentate del 191%, rappresentando quasi il 30% delle vendite totali. GameStop ha chiuso il 2020 con una perdita netta di 215,3 milioni di dollari o 3,31 dollari per azione diluita, rispetto alla perdita netta di 470,9 milioni o 5,38 per azione diluita nell’anno fiscale precedente. Il quarto trimestre è stato positivo: l’utile si è attestato a 80,5 milioni di dollari, contro i 67,8 milioni dello stesso periodo del 2019.

Nonostante i dati non positivi, l’interesse per le sue prospettive rimane forte. La call con gli analisti dopo la diffusione dei dati ha attirato così tanti ascoltatori che alcuni sono stati respinti. I dirigenti hanno comunque rifiutato di rispondere a qualsiasi domanda, anche se l’azienda ha rivelato che stava valutando la possibilità di vendere azioni aggiuntive per raccogliere più soldi, data l’attenzione ricevuta.

GameStop ha chiuso la seduta di ieri in calo del 6,55% a 181,75 dollari (aveva raggiunto i 347 dollari per azione il 27 gennaio).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

GameStop, perdita da 215 milioni nel 2020. Resta alto l’interess...