Future USA ancora in profondo rosso

(Teleborsa) – Proseguono in netto ribasso i Future USA, segnalando un esordio difficile per Wall Street, anche dopo una tornata di dati macro rilevanti, come quello sull’inflazione. 

Il dato ha infatti segnalato un ulteriore rallentamento della crescita dei prezzi, a causa del crollo del petrolio, che oggi resta il market mover delle contrattazioni in Borsa. La Fed potrebbe così avere le mani legate a marzo, quando si riunirà per decidere se aumentare ancora i tassi. 

Intanto, il contratto di marzo sul Nasdaq scambia in calo di 88,5 punti (-2,14%) a 4.056, mentre quello sullo S&P 500 cede 36,25 punti (-1,94%) a 1.837.

Future USA ancora in profondo rosso