Franchi Umberto Marmi e Labomar al debutto su AIM Italia

(Teleborsa) – Debuttano oggi oggi all’AIM Italia altre due società, la Franchi Umberto Marmi e la Labomar, che rappresentano assieme la decima ammissione dell’anno sul Listino di Borsa Italiana dedicato alle PMI. Entrambe portano a 129 il numero delle società quotate su AIM Italia.

Il marmo di Carrara in Borsa

La Franchi Umberto Marmi, azienda leader nella produzione e commercializzazione del marmo di Carrara, si quota a seguito della Business Combination, la ventiduesima dell’anno, con TheSpac, la SPAC promossa da Marco Galateri di Genola, Vitaliano Borromeo-Arese Borromeo e Giovanni Lega, quotata su AIM Italia ad agosto 2018

“L’ingresso in Borsa rappresenta per il nostro Gruppo, che da 50 anni opera per valorizzare il marmo bianco di Carrara nel mondo, un traguardo importante, raggiunto grazie al costante lavoro di squadra in un momento così difficile come quello attuale”, ha asffermato Alberto Franchi, Presidente e Amministratore Delegato della società, aggiungendo che l’obiettivo della quotazione è “andare avanti nella strategia di diversificazione geografica intrapresa, incrementando il presidio sui mercati internazionali”.

“Lo sbarco in Borsa di Franchi Umberto Marmi non rappresenta soltanto un traguardo ma anche un nuovo inizio. Siamo convinti che il mercato – sempre alla ricerca di eccellenze italiane con una consolidata presenza a livello internazionale – saprà apprezzare un’azienda storica che esporta in tutto il mondo un prodotto simbolo della qualità della vita e del lusso Made in Ital”, ha affermato Marco Galateri di Genola, Presidente e promotore di TheSpac.

Sul ruolo delle SPAC si è espressa anche Barbara Lunghi, Head of Primary Markets di Borsa Italiana, sando il Benvenuto alla Franchi Umberto Marmi e sottolineando che la formula delle SPAC rappresenta “uno strumento importante per accompagnare le società che vogliono accelerare il loro processo di crescita ed accedere ai mercati dei capitali, alimentando le proprie ambizioni, visibilità ed espansione a livello globale”.

La nutraceutica raddoppia

Labomar, azienda attiva nel settore della nutraceutica, specializzata nel campo di integratori alimentari, dispositivi medici, cosmetici, ha raccolto con la quotazione 29,9 milioni di euro, , di cui 3,9 milioni di euro in vendita riservati all’esercizio dell’opzione greenshoe. Il flottante al momento dell’ammissione è del 19,86%, assumendo l’integrale esercizio dell’opzione greenshoe e la capitalizzazione è pari a circa 110,9 milioni di euro.

La società è stata assistita da Banca Mediolanum in qualità di Nomad. Intesa Sanpaolo – IMI Corporate & Investment Banking è Global Coordinator e Specialist dell’operazione.

“Siamo certi che Labomar trarrà vantaggio da questa operazione in termini di sviluppo e di maggiore visibilità”, ha affermato Barbara Lunghi di Borsa Italiana, dando il benvenuto alla società.

Walter Bertin, Fondatore e Amministratore Delegato di Labomar, ha affermato che la quotazione “è un riconoscimento al lavoro fatto in oltre 22 anni di storia” e consentirà di sostenere le strategie di crescita dei prossimi anni, per linee interne ed esterne, e di aumentare l’impegno nelle attività di R&D”.

(Foto: © Luca Ponti | 123RF)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Franchi Umberto Marmi e Labomar al debutto su AIM Italia