Foxconn, l’utile 2020 in calo del 12% delude gli analisti

(Teleborsa) – Foxconn, la più grande azienda produttrice di componenti elettrici ed elettronici al mondo (oltre che assemblatrice dell’iPhone), ha deluso le aspettative degli analisti per il 2020. L‘utile netto della società taiwanese è sceso del 12%: ha pesato il blocco parziale della produzione per settimane e il calo della domanda di prodotti del suo più grande cliente, Apple.

I profitti 2020 sono stati di 101,79 miliardi di nuovi dollari di Taiwan (circa 3 miliardi di euro), inferiori alla stima di 106,28 miliardi di NT$ di S&P Global Market Intelligence.

Gli utili sono diminuiti nonostante le vendite siano state leggermente superiori (i ricavi hanno raggiunto i 5,36 trilioni di NT$ rispetto ai 5,34 trilioni di NT$ del 2019). L’azienda non ha fornito spiegazioni specifiche sul calo della redditività.

Foxconn ha affermato di aspettarsi una crescita dei ricavi di circa il 10% nel 2021 grazie a vendite “più forti del previsto” per gli smartphone, incluso il nuovo iPhone 12, nonché per i dispositivi che favoriscono il lavoro da remoto.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Foxconn, l’utile 2020 in calo del 12% delude gli analisti