FMI: prospettive globali meno cupe, ma non siamo fuori pericolo

(Teleborsa) – “Oggi le prospettive economiche globali potrebbero essere un po’ meno cupe di quanto lo erano quando abbiamo aggiornato il World Economic Outlook, a giugno, con diversi Paesi che hanno svoltato” e dalla recessione sono passati alla ripresa.

Lo ha riferito il direttore del dipartimento comunicazioni del Fondo Monetario Internazionale, Gerry Rice durante un incontro (in teleconferenza) con la stampa.

Poi il monito:”Non siamo fuori dalla palude e le prospettive restano molto difficili e precarie – ha aggiunto – sottolineando che le previsioni aggiornate del FMI arriveranno a partire dal 13 ottobre”.

Pochi giorni fa, il Direttore generale del Fmi Kristalina Georgieva, e il capo economista del Fondo Gita Gopinath, in un editoriale su Foreing Policy avevano ribadito che la crisi legata alla pandemia “è lungi dall’essere finita. La ripresa resta fragile e incerta e per assicurare che continui è essenziale che gli aiuti concessi non siano ritirati in modo prematuro”.

“Una piena ripresa è improbabile senza una permanente soluzione” dal punto di vista sanitario: “la disponibilità di un vaccino, o di cure di successo per il Covid-19, miglioreranno le prospettive globali”, aveva sottolineato Georgieva, mettendo in evidenza che una distribuzione “globale e sincronizzata del vaccino è nell’interesse di tutti i Paesi”.

(Foto: © Andrej Kaprinay, Ing./123RF)

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

FMI: prospettive globali meno cupe, ma non siamo fuori pericolo