FMI: la ripresa dell’Eurozona è sulla buona strada

(Teleborsa) – La ripresa ha guadagnato slancio con il circolo virtuoso che va dai consumi privati alla creazione di posti di lavoro. Ciò offre un’ottima opportunità per spingere avanti le riforme strutturali e per approfondire l’Unione Economica e Monetaria (UEM). Sono queste le valutazioni del Fondo Monetario Internazionale dopo aver concluso la sua missione nell’area euro.

L’organismo guidato da Christine Lagarde mette però in guardia sul fatto che siano ancora necessarie le riforme strutturali a livello nazionale per stimolare la crescita della produttività, ridurre le lacune della competitività e contribuire a rilanciare la convergenza dei redditi in tutta l’Unione. 

Il Fondo Monetario spiega che il rischio che ancora rappresentano i Paesi ad alto debito pubblico – come l’Italia e il Portogallo – che appesantiscono il quadro generale. L’analisi del Fondo arriva proprio nel giorno in cui il debito pubblico italiano ha aggiornato nuovi massimi storici.

Paesi che devono continuare sulla strada del consolidamento e delle riforme strutturali, senza deprimere la crescita dell’economia che dopo tanti anni comincia a dare segnali confortanti.

“Gli sforzi nazionali dovrebbero essere completati da misure volte a rafforzare il mercato unico. Una maggiore integrazione dei mercati in materia di energia, trasporti e servizi digitali aumenterebbe la produttività. Gli sforzi per promuovere ambiziosi accordi di libero scambio devono essere perseguiti in modo vigoroso”, sottolinea l’organismo di Washington.

FMI: la ripresa dell’Eurozona è sulla buona strada