FMI, il World Economic Outlook ritocca il crollo del Pil italiano nel 2020: -10,6%

(Teleborsa) – Il FMI nel suo World Economic Outlook vede una caduta delle economie più contenuto nel 2020 a causa della crisi innescata dal Covid-19, ma anche una ripresa leggermente più lenta per il 2021 rispetto a quella preventivata 4 mesi fa.

Per il Fondo Monetario Internazionale il crollo del Pil italiano supererà il 10% (-10,6%), una stima tuttavia migliore di quella pronosticata a giugno quando era stato stimato che la crisi da Coronavirus avrebbe inciso sul Prodotto interno lordo con una caduta vicina al 14%. Rivista al ribasso invece il rimbalzo atteso per il 2021: secondo l’organizzazione internazionale, infatti, la ripresa dell’economia italiana stazionerà intorno al 5,2% e non al 6,3% previsto a giugno.

Sono alcuni dei dati contenuti nel documento pubblicato oggi dall’Organizzazione con sede a Washington. Per quanto riguarda il deficit di Bilancio, il FMI stima che balzerà dall’1,6% del 2019 – con un rapporto debito-Pil del 134,8% – al 13% del Pil nel 2020 – con un rapporto debito-Pil pari al 161,8% – per poi scendere al 6,2% nel 2021, con un rapporto debito Pil anch’esso in discesa al 158,3%. Al 2025 il FMI prevede invece che il rapporto scenderà al 152,6%.

Per ciò che riguarda il tasso di disoccupazione, il rapporto del Fondo segnala un aumento dal 9,9% registrato nel 2019 all’11% di quest’anno. Per il 2021 la stima è di un ulteriore aumento con la percentuale di disoccupati che dovrebbe crescere fino all’11,8%. Sulla difesa dei posti di lavoro a rischio con la crisi pandemia “è importante, quando possibile, che i governi continuino a sostenere le imprese solvibili ma ancora vulnerabili, mediante moratorie sul servizio del debito, ha scritto nell’editoriale al rapporto la capo economista del FMI, Gita Gopinath. “Durante la transizione i lavoratori avranno bisogno di sussidi al reddito e programmi di riqualificazione”, ha aggiunto.

Il Fondo Monetario Internazionale ha rilevato anche come in Italia i rendimenti sui titoli di Stato hanno segnato moderazioni dopo l’accordo in Europa sul Recovery Fund e dopo che la BCE ha lanciato il piano di acquisti anticrisi pandemica (PEPP).

Sul piano globale, invece, nel World Economic Outlook è stato rivista leggermente in meglio la previsione sul crollo del Pil atteso quest’anno: -4,4% (a giugno -5,2%), con un rimbalzo per il 2021 pari al +5,2% (a giugno +5,4%).

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

FMI, il World Economic Outlook ritocca il crollo del Pil italiano nel ...