FMI: “Eurozona si avvia al quinto anno di espansione”

(Teleborsa) – “Quinto anno consecutivo di espansione dell’economia dell’Eurozona con una crescita del 2,2% nel 2018 e del 2% nel 2019. A snocciolare i numeri il Fondo Monetario Internazionale nella Surveillance Note: il documento stilato in vista del G20 in calendario a Buenos Aires il 19 e 20 marzo. “In questo contesto le aspettative di crescita sono aumentate per diversi paesi di Eurolandia, ”soprattutto Germania e Italia, riflettendo una più forte domanda interna ed esterna. Per l’Italia, l’organizzazione con sede a Washington prevede una crescita del +1,4% nel 2018 e del +1,1% nel 2019. 

Confermate anche le stime di crescita per l’economia globale (+3,9% nel 2018 e 2019). “Nel breve termine la crescita potrebbe stupire nuovamente al rialzo”, anche se “stanno aumentando i rischi” che potrebbero frenarla. “La crescita globale – sottolinea il FMI – ha continuato a rafforzarsi”, ma lo slancio atteso nell’anno in corso e nel prossimo rallenterà, ponendo delle sfide di medio termine a molti Paesi. “Alcune forze cicliche verranno meno: i tassi di interesse stanno salendo e le condizioni finanziarie probabilmente saranno più’ stringenti con la normalizzazione della politica monetaria.

Non poteva mancare un accenno al tema del protezionismo che l’organismo guidato da Christine Lagarde reputa “dannoso”.

Il numero uno del FMI ha dichiarato: “Ledere il commercio fa male all’economia e alle persone”, specialmente quelle più povere che comprano prodotti importati relativamente meno costosi. Per questo, “i legislatori devono lavorare insieme in modo costruttivo per ridurre le barriere commerciali e risolvere i disaccordi commerciali senza ricorrere a misure eccezionali”. Lagarde ha quindi invitato gli altri Paesi a non reagire alla decisione degli Stati Uniti con una “escalation di misure protezionistiche. La storia economica mostra chiaramente che le guerre commerciali ledono la crescita globale e non possono essere vinte”.

FMI: “Eurozona si avvia al quinto anno di espansione”