FMI, contributo “sostanziale” dalle economie emergenti all’output globale

(Teleborsa) – Il contributo delle economie emergenti all’output globale, negli ultimi due decenni, “è cresciuto in modo sostanziale, così come è aumentato il contributo di queste economie al commercio e al sistema finanziario.

Le economie emergenti “hanno contribuito per più della metà della crescita globale negli ultimi 15 anni e la loro quota del PIL globale è salita al 38%”. 

E’ quanto si legge nel primo dei due capitoli analitici del Global Financial Stability Report, il rapporto sulla stabilità finanziaria globale redatto dal Fondo monetario internazionale, che solo qualche giorno fa aveva messo in guardia sul fatto che  
 fosse necessario fare di più per incoraggiare gli investimenti in ricerca e sviluppo.

Il documento completo Global Financial Stability Report sarà pubblicato il 13 aprile, durante i lavori primaverili dell’istituto a Washington.

L’integrazione delle economie emergenti “è aumentata rapidamente in questo periodo, con gli scambi tra mercati avanzati ed emergenti aumentati di venti volte rispetto all’inizio degli anni Novanta”, rivela ’istituto di Washington.

“Le banche delle economie avanzate hanno raddoppiato la propria esposizione ai mercati emergenti tra il 2005 e il 2013 e i flussi obbligazionari verso i mercati emergenti si sono rafforzati in modo continuo”. Inoltre, lo sviluppo interno dei mercati finanziari degli emergenti è cresciuto di pari passo con il fatto che la loro quota rispetto alla capitalizzazione di mercato globale “è più che raddoppiata rispetto a vent’anni fa”, mentre la quota del mercato dei bond è salita di sette volte.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

FMI, contributo “sostanziale” dalle economie emergenti all...