FMI, conferma stime Eurolandia. In Italia produttività cresciuta solo dell’1%

(Teleborsa) – L’economia in Europa continua a crescere, l’area euro ha sperimentato 19 trimestri consecutivi di crescita, con il PIL nel 2017 che ha raggiunto il +2,3%, in aumento rispetto al +1,8% del 2016.

E’ la fotografia scattata dal Fondo Monetario Internazionale (FMI) nel Regional Economic Outlook per l’Europa, confermando quanto stimato nelWorld Economic Outlookpresentato lo scorso aprile a Washington. 

Il Fondo guidato da Christine Lagarde sottolinea che i rischi alle prospettive economiche “sono bilanciati nel breve termine, ma restano orientati al ribasso nel medio termine”. Fra questi – spiega – c’è il protezionismo, ma anche le restanti debolezze in alcune aree del settore bancario dell’area euro. Quanto alla politica monetaria, l’agenzia di Washington afferma che deve restare “accomodante fino a che l’inflazione non si assesti in modo duraturo sul target” della BCE (2%).

L’FMI conferma anche le stime di crescita per l’Italia e spiega che “in Irlanda, Italia e Spagna la riduzione dei NPL (non performing loan) e la recente ripresa delle vendite è incoraggiante”. Tuttavia, “la ripresa economica potrebbe non essere sufficiente per soddisfare le aspettative degli investitori o per risolvere le sfide strutturali con cui le banche meno redditizie devono fare i conti; un consolidamento ulteriore e una ristrutturazione saranno necessari”.

Poi un monito all’Italia sulla produttività del lavoro che “è cresciuta cumulativamente solo dell’1% dal 2002″.

FMI, conferma stime Eurolandia. In Italia produttività cresciuta solo...