Fitch segue Moody’s: taglia stime PIL Italia

(Teleborsa) – Dopo Bruxelles e l’FMI, è l’agenzia di rating americana Fitch a tagliare le stime di crescita dell’Eurozona. Le nuove previsioni per il 2019 indicano un PIL all’1%, dal +1,7% indicato a dicembre visto che “negli ultimi mesi i dati sull’attività economica dell’Eurozona si sono deteriorati in modo più drastico che in altre parti del mondo”.

Fanalino di coda l’Italia, con il Prodotto Interno Lordo che passa dall’1,1% allo 0,3% mentre per Moody’s il PIL italiano crescerà meno dell’1% dall’1,3% precedentemente indicato a causa dell’incertezza politica.
Fitch disegna una situazione pesante anche per la Germania, con la revisione della crescita che si porta sotto l’1% dall’1,7% mentre per la Francia le stime passano dall’1,7% all’1,4% e per la Spagna dal 2,3 al 2,1%.

A preoccupare l’agenzia di rating il rallentamento dell’economia globale, le tensioni commerciali tra USA e Cina e la Brexit. Pesano anche le le tensioni politiche nazionali ed europee, con la “prospettiva di crescenti forze euroscettiche” all’interno del Parlamento europeo dopo le elezioni, che “potrebbe aumentare le tensioni sui mercati finanziari, danneggiare le fiducia e ridurre gli investimenti”.

Fitch segue Moody’s: taglia stime PIL Italia