Fisco, Gutgeld mette i paletti alla Corte dei Conti che “giustifica” un intervento sull’ IVA

(Teleborsa) – “Un eventuale intervento sull’IVA sarebbe giustificato e preferibile ad altre forme di imposizione indiretta”.  E’ questo quello che  che si evince  nel rapporto 2016 sul coordinamento della Finanza pubblica della Corte dei Conti.

“Se oltre al taglio delle spese, un contributo sarà necessario sul versante entrate, una ipotesi in discussione non escluderebbe, oltre a una revisione delle spese fiscali, un intervento sull’IVA”, spiega la Corte dei Conti che  lo vede come “un intervento -che si configurerebbe tra i meno distorsivi quanto a impatto sull’economia; resterebbe, infatti nell’area individuata dalla clausola di salvaguardia rinnovata per il 2016; sarebbe giustificato dalla posizione di fanalino di coda che il nostro Paese occupa nella graduatoria europea sul rendimento dell’imposta; sarebbe preferibile ad altre forme di imposizione indiretta, sia per l’ampiezza della base imponibile su cui si distribuirebbe sia in considerazione di ripetuti stress cui sono stati finora soggetti altri comparti (le accise innanzitutto)”.

Pronta la risposta di  Yoram Gutgeld, consigliere economico del premier Matteo Renzi che all’ipotesi paventata dalla magistratura contabile mette subito i paletti dicendo: “il governo non aumenterà l’IVA e punta invece a ridurre l’evasione sull’imposta”.

Non faremo un intervento sull’IVA – ha detto Gutgeld che ha rivelato che “il problema vero dell’IVA è l’evasione: su questo c’è un percorso: la strada è andare verso la digitalizzazione delle transazioni di business. Questa è la strada che abbiamo avviato e su cui stiamo lavorando”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Fisco, Gutgeld mette i paletti alla Corte dei Conti che “giustif...