Fisco, entrate tributarie in aumento nei primi dieci mesi

(Teleborsa) – Gettito più sostanzioso nei primi dieci mesi dell’anno.

Nel periodo gennaio-ottobre le entrate tributarie erariali ammontano a 331,674 miliardi di euro, in crescita del 3,5% (11,129 miliardi di euro) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Ai fini di un confronto omogeneo, neutralizzando entrate straordinarie del 2014 e tenendo conto degli elementi che hanno determinato l’andamento delle ritenute di lavoro dipendente, le entrate tributarie erariali presentano una crescita tendenziale del +2,2% (+7.096 milioni di euro).

Le imposte dirette hanno registrato un gettito complessivo di 179,4 miliardi, in aumento del 5,6%, trainate dalle entrate IRPEF – che hanno a loro volta beneficato dell’andamento positivo delle ritenute di lavoro dipendente.

Le imposte indirette sono aumentate invece dell’1% a 152,192 miliardi di euro, trainate dalle entrate dell’IVA. Queste sono balzate del 3,9% per effetto dell’andamento complessivamente positivo della componente relativa agli scambi interni e dei versamenti dovuti in base all’applicazione del meccanismo dello “Split Payment”, mentre continua ad essere in calo il gettito registrato dalle importazioni dai Paesi extra-UE (-4,4%).

Le entrate dell’accisa sui prodotti energetici, loro derivati e prodotti analoghi (oli minerali) presentano un calo di 2 milioni di euro. In flessione anche il gettito dell’accisa sul gas naturale per combustione (gas metano) che ha generato minori entrate per 1.201 milioni di euro (–34,2%). 

Tengono le entrate da giochi (+1,5%) mentre quelle da accertamento e controllo hanno registrato una diminuzione dell’1,6% a causa dei minori incassi derivanti dai ruoli relativi alle imposte dirette, in parte compensato dall’aumento riscontrato nei ruoli IVA.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Fisco, entrate tributarie in aumento nei primi dieci mesi