Fisco e Dogane, a Strasburgo si dibatte sui maggiori fondi per la cooperazione

(Teleborsa) – Su quali premesse sono basati i programmi doganali e Fiscali dell’Unione europea? In che cosa consisterebbe la stretta cooperazione tra le autorità competenti degli Stati membri per la tutela dell’unione doganale dell’UE e l’attuazione delle norme comuni in materia di tassazione? E soprattutto, può dirsi motivata l’istituzione di un impegno finanziario permanente di 1,22 miliardi di euro per i due precedenti programmi?

E’ quanto chiede in un’interrogazione alla Commissione UE l’europarlamentare Karol Karski (Conservatori e Riformisti europei), a seguito della proposta della Commissione di adottare misure per rafforzare la cooperazione doganale e fiscale tra gli Stati membri nell’attuazione del bilancio dell’UE nel 2021-2027.

Pierre Moscovici, Commissario per gli Affari Economici e Finanziari, fiscalità e dogane, ha sottolineato che la protezione dell’unione doganale dell’UE e l’applicazione delle norme in materia fiscale richiedono una stretta cooperazione e che l’attuazione dei nuovi programmi Dogana e Fiscalità contribuirà al raggiungimento di questi obiettivi.

Fisco e Dogane, a Strasburgo si dibatte sui maggiori fondi per la ...