Fisco, Capone: “ridurre cuneo fiscale per ridare potere acquisto a lavoratori”

(Teleborsa) – “La pressione fiscale registrata dall’Istat nel secondo trimestre del 2021 è pari al 41,9%. Nonostante il calo dello 0,5% rispetto allo stesso periodo del 2020, il livello della tassazione nel nostro Paese resta iniquo ed eccessivamente elevato. Per uscire definitivamente dalla crisi sanitaria ed economica causata dalla pandemia e innescare una ripartenza stabile e duratura, è fondamentale immettere maggiore liquidità nell’economia reale a sostegno di lavoratori e imprese“. Lo ha dichiarato Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, in merito al ddl Delega fiscale, all’esame del Governo.

In tal senso – prosegue Capone – “la riduzione delle aliquote Irpef e il riordino complessivo del sistema fiscale previsto dal ddl Delega fiscale all’esame del Governo, rappresentano un passaggio fondamentale. Auspichiamo, pertanto, l’adozione immediata dei decreti attuativi necessari a realizzare una riforma coraggiosa che gli italiani attendono da decenni. Mi riferisco all’abolizione dell’Irap, alla semplificazione della normativa in materia tributaria e al taglio del cuneo fiscale sul lavoro indispensabile per ridare potere d’acquisto alle famiglie. Come UGL, peraltro, riteniamo essenziale una misura come la Flat tax che consenta di rimodulare e alleggerire il peso delle imposte al fine di accelerare la ripresa dell’intero sistema Paese”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Fisco, Capone: “ridurre cuneo fiscale per ridare potere acquisto...