IVA, nasce l’aliquota del 5%: ecco come funziona

Dal 1° gennaio 2016, nascerà una nuova aliquota IVA ridotta

(Teleborsa) – Dal 1° gennaio 2016, nascerà una nuova aliquota IVA ridotta. L’imposta sul valore aggiunto, sarà del 5% e verrà applicata su servizi sociali, sanitari, assistenziali, didattici ed educativi erogati dalle cooperative sociali singole, o riunite in consorzi, a favore di determinate categorie deboli, in prestazioni che attualmente sono soggette all’aliquota del 4%.

L’aliquota del 5%, una delle misure inserite nella Legge di Stabilità 2016, andrà ad aggiungersi a quelle del 4% (aliquota minima, applicata ad esempio alle vendite di generi di prima necessità), del 10% (aliquota ridotta, applicata ai servizi turistici) e del 22% (aliquota ordinaria, da applicare in tutti i casi in cui la normativa non prevede una delle due aliquote precedenti.

“Siamo riusciti a mantenere la tassazione per le cooperative sociali al livello del 5% di IVA, un risultato di grande rilievo se pensiamo al valore delle attività svolte da questa tipologia di imprese nei settori dell’assistenza, dell’educazione e dei servizi in genere” ha commentato il Sottosegretario all’Economia, Paola De Micheli.

Leggi anche:
Come pagare la bolletta Enel senza pagare il canone Rai
Legge di Stabilità, Canone Rai in bolletta: si cambia ancora
Canone Rai: chi inizia a pagarlo in bolletta rischia di pagare gli arretrati
Canone Rai: prescrizione e arretrati

Seconda casa: niente Imu e Tasi se va ai figli o ai genitori
Legge di Stabilità, Unimpresa: su accise benzina e Iva stangata da 54 miliardi
Legge di Stabilità: torna il rischio dell’aumento IVA
L. Stabilità, previsto tra le clausole aumento accise e IVA fino al 25,5%

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

IVA, nasce l’aliquota del 5%: ecco come funziona