Fincatieri vola in Borsa con Ponte Genova e accordo in Cina

(Teleborsa) –

Ottima giornata per Fincantieri, che guadagna l’1,64% a 1,304 euro, risultando uno dei migliori titoli nel paniere delle Mid Cap, dopo aver mostrato aumenti anche più consistenti sulle prime battute. Operativamente le attese sono per un proseguimento della giornata in senso positivo con resistenza vista a quota 1,323 e successiva a 1,355. Supporto a 1,291.

A dare linfa al titolo della compagnia attiva nella cantieristica navale contribuiscono l’annuncio del Governo sull’assegnazione dei lavori per la ricostruzione del Ponte Morandi a Genova ed un accordo siglato in Cina. Quest’ultimo, siglato nell’ambito dlela missione dell’Italia in Cina capitanata dal Ministro dell’Economia Giovanni Tria, concerne l’allargamento di un deal preesistente con il colosso di Stato CSSC (China State Shipbuilding Corporation) a tutti i segmenti delle costruzioni navali mercantili.

La cerimonia di firma ha avuto luogo a Pechino, alla presenza del Ministro dell’Economia e delle Finanze Giovanni Tria, dell’Amministratore delegato di Cassa depositi e prestiti Fabrizio Palermo, dell’Amministratore delegato di Fincantieri Giuseppe Bono e del Chairman di CSSC Lei Fanpei.

L’intesa prevede che le parti discutano la possibilità di allargare la loro attuale collaborazione, che include una joint venture dedicata alle prime unità da crociera mai realizzate in Cina per il mercato locale e altre attività affini, anche ad un numero di progetti di ricerca e sviluppo in molteplici aree della navalmeccanica, tra cui: unità per il settore oil & gas; cruise-ferry; mega-yacht; navi speciali; infrastrutture in acciaio; sistemi, ingegneria e marine procurement, nonché cabine, interni e la creazione di una catena di fornitura nel comparto crocieristico. Il perimetro dell’accordo potrebbe essere ulteriormente esteso qualora ne venissero ravvisate le opportunità.

Le indicazioni non costituiscono invito al trading.
(A cura dell’Ufficio Studi Teleborsa)

Fincatieri vola in Borsa con Ponte Genova e accordo in Cina