Fincantieri reagisce bene al “no” di Petrobras ai contratti con Vard

(Teleborsa) – Mercato positivo con Fincantieri, che si attesta a 0,364 con un aumento dell’1,11%.

Stamane il colosso della cantieristica navale ha fatto sapere che la controllata Vard ha ricevuto la notifica che Petrobras Transportes (Transpetro) ha terminato i contratti per due navi Liquefied Petroleum Gas (LPG) carriers incluse nel portafoglio ordini di Vard Promar, società controllata indirettamente per il 50,5% da Vard.

Le navi in oggetto, in una fase di costruzione molto iniziale, sono le ultime due della serie di otto LPG carriers inizialmente contrattualizzati nel giugno 2010 e con consegna prevista tra il 2014 e il 2016 presso il cantiere di Vard Promar. Il totale valore del contratto per le otto navi era pari a 536 milioni di dollari.

Secondo Fincantieri la cessazione dei contratti, qualora efficace, dovrebbe ridurre l’esposizione di Vard sul mercato brasiliano, tema già attualmente in esame da parte della società. Allo stesso tempo Vard intende richiedere risarcimento a Transpetro per i danni relativi ai contratti in questione.

Ad ogni modo tali cancellazioni non avranno un impatto significativo sull’utile per azione per l’esercizio in chiusura al 31 dicembre 2015 (Fincantieri possiede il 55,63% del capitale di Vard e ne consolida integralmente i risultati). 

Quanto all’analisi tecnica del titolo, a livello operativo si prevede un proseguimento della seduta all’insegna del toro con resistenza vista a quota 0,3679 e successiva a 0,3757. Supporto a 0,3601.

Lo scenario tecnico visto ad una settimana del titolo rispetto all’indice, evidenzia un rallentamento del trend di Fincantieri rispetto al FTSE Italia Mid Cap, e ciò rende il titolo potenziale obiettivo di vendita da parte degli investitori.

Le indicazioni non costituiscono invito al trading.
(A cura dell’Ufficio Studi Teleborsa)

Fincantieri reagisce bene al “no” di Petrobras ai contratt...