Fincantieri, la buonuscita da record del Dg Andrea Mangoni alimenta la polemica in Parlamento

(Teleborsa) – “Perché all’ex direttore generale di Fincantieri , Andrea Mangoni, sia stata corrisposta una buonuscita di 3 milioni di euro per soli nove mesi di lavoro” in seguito alla risoluzione anticipata del rapporto lavorativo.

Questo è quanto chiedono alcuni deputati del Movimento 5 Stelle al Governo, in un’interrogazione parlamentare.

“Lo stipendio dei lavoratori degli stabilimenti Fincantieri – per una politica di spending review applicata unilateralmente dall’azienda – pare sia stato ridotto di 70 euro al mese”, hanno reso noto gli onorevoli, sottolineando inoltre quanto sia “inammissibile che un’azienda chieda sacrifici ai propri lavoratori per poi congedare un dirigente con una buonuscita da 3 milioni di euro di fondi pubblici”.

Dietro a queste premesse i parlamentari hanno poi chiesto al Ministro dello sviluppo economico e al Ministro dell’economia e delle finanze “quali iniziative intendano porre in essere per normalizzare la situazione contrattuale e retributiva dei lavoratori di Fincantieri ponendo fine alla discussione sul contratto integrativo che si protrae da tempo”.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Fincantieri, la buonuscita da record del Dg Andrea Mangoni alimenta la...