Fincantieri argina la tempesta Covid: produzione e redditività attese in recupero

(Teleborsa) – Fincantieri, fra i principali complessi di cantieristica al mondo, impegnato sulla sostenibilità e nella lotta al cambiamento climatico, forte anche del successo della struttura portante del nuovo ponte di Genova che ha completato in tempi record, si prepara a scalare quest’ultima parte dell’anno con una crescita di produzione e redditività ai livelli pre-Covid.

Il Gruppo

Venti cantieri tra Europa, Americhe e Asia. Ventimila persone al lavoro, il 60% delle quali fuori dall’Italia. Quasi 6 miliardi di euro di ricavi. Questi i numeri che rendono il Gruppo Fincantieri competitivo al massimo livello sui mercati, responsabile, trasparente e sostenibile, per le persone e per l’ambiente.

La multinazionale, prima al mondo nella cantieristica in termini di innovazione e diversificazione, è l’unica in grado di costruire tutte le tipologie di mezzi navali ad elevata complessità: dalle navi da crociera ai mega yacht, dalle navi militari ai mezzi offshore high-tech. Un ecosistema che accoglie l’armatore e lo affianca ad ogni passo, dalla costruzione all’intero ciclo vita della sua unità. L’obiettivo è quello di diventare leader mondiale in tutti i comparti che richiedono le migliori soluzioni marine, mantenendo l’italian style e distinguendosi ancora di più per diversificazione, integrazione e pionierismo.

Ultime comunicazioni Price Sensitive

  • Fincantieri, in stretta collaborazione con il laboratorio di virologia del Centro Internazionale di Ingegneria Genetica e Biotecnologie, ICGEB, ha sviluppato un innovativo sistema di sanificazione dell’aria di nuova generazione denominato “Safe Air“, che migliorerà ulteriormente in modo significativo la qualità e la pulizia dell’aria a bordo delle navi da crociera. Nell’ambito del suo impegno per la salute e la sicurezza dei suoi ospiti e dell’equipaggio, MSC Crociere sarà la prima Compagnia crocieristica ad installare questa nuova e avanzata tecnologia a bordo di MSC Seashore, la prima delle due navi di classe “Seaside Evo”. MSC Seashore è attualmente in costruzione presso i cantieri Finacantieri di Monfalcone: oltre ad essere la nave più grande mai costruita in Italia, sarà anche quella più tecnologicamente avanzata.
  • È stata varata a inizio ottobre 2020, nello stabilimento Fincantieri di Marghera, “Rotterdam”, una nuova nave destinata a Holland America Line, brand del gruppo Carnival Corporation, primo operatore al mondo del settore crocieristico. Attualmente è in atto la fase di allestimento degli interni, che porterà alla consegna della nave nell’estate 2021. La nuova unità è gemella di “Koningsdam” e di “Nieuw Statendam“, navi della classe “Pinnacle“, consegnate rispettivamente nel 2016 e 2018 dallo stesso stabilimento, ed è la quattordicesima nave costruita dal cantiere di Marghera per questo marchio. Avrà una stazza lorda di circa 99.800 tonnellate, una lunghezza di quasi 300 metri e potrà ospitare a bordo 2.668 passeggeri in 1.340 cabine.
  • Fincantieri ha consegnato presso lo stabilimento di Monfalcone, “Enchanted Princess“, costruita per la società armatrice Princess Cruises, anch’esso brand del Gruppo Carnival Corporation. Enchanted Princess è la diciottesima delle unità costruite da Fincantieri per Princess Cruises nel cantiere isontino, con una stazza lorda di 145.000 tonnellate e la capacità di ospitare a bordo fino a 4.610 passeggeri, in 1.830 cabine, oltre a 1.411 membri dell’equipaggio.

Eventi rilevanti

  • Fincantieri Marinette Marine prime contractor nel programma “FFG(X)” ha vinto un contratto di circa 800 milioni di dollari per la progettazione e costruzione dell’unità capoclasse delle nuove fregate lanciamissili per la US Navy. Se esercitate, le opzioni per ulteriori 9 unità porteranno il valore del contratto a 5,5 miliardi di dollari.
  • E’ stata completata in tempi record la struttura portante del nuovo ponte di Genova: concluso a fine aprile 2020 il varo in quota delle 19 campate.
  • Nell’ambito di Naviris, joint venture tra Fincantieri e la francese Naval Group, è stato firmato il primo contratto di “Research and Technology” con OCCAR per cinque progetti di ricerca.
  • È stato rinnovato e aggiornato il piano per la Sostenibilità 2018 – 2022, conseguendo due importanti obiettivi:

– estensione dell’accordo con Eni per iniziative in ambito di decarbonizzazione ed economia circolare.
– rating B da CDP3 per l’impegno nella lotta al cambiamento climatico. Posizionamento nel range più alto della classifica di Vigeo Eiris4, al primo posto fra i suoi peer di riferimento.

Principali dati di bilancio

Il primo semestre del 2020 chiude con ricavi pari a euro 2.369 milioni (euro 2.808 milioni al 30 giugno 2019), in flessione del 15,6% rispetto al primo semestre del 2019 come conseguenza della sospensione delle attività dei cantieri e stabilimenti italiani del Gruppo quantificabile in circa 790 milioni di ero di mancati ricavi, per lo slittamento dei programmi produttivi.

Tabella 1 – Dati economici

Anno 2019 Dati economici Unità di misura 1° semestre 2020 1° semestre 2019
restarted (***)
5.849 Ricavi e proventi euro/milioni 2.369 2.808
320 EBITDA euro/milioni 119 227
5,5% EBITDA margin (*) % 5% 8,1%
153 EBIT euro/milioni 54 150
2,6% EBIT margin (**) % 2,3% 5,3%

(*) Rapporto tra EBITDA e Ricavi e proventi
(**) Rapporto tra EBIT e Ricavi e proventi
(***) I dati al 30.06.2019 sono stati riesposti per riflettere le discontinued operations del business della costruzione delle navi di piccola dimensione per i settori fishery e aquaculture e la dismissione del cantiere di Aukra

La riduzione dell’EBITDA è riconducibile al settore Shipbuilding per effetto della sospensione delle attività produttive in Italia e al minor contributo del settore Sistemi, Componenti e Servizi dovuto al diverso mix di prodotti e servizi venduti nel periodo. La norvegese VARD, leader mondiale nella costruzione di navi specializzate per il mercato offshore, ha chiuso il semestre con un EBITDA sostanzialmente in pareggio, mostrando i primi positivi effetti del piano di ristrutturazione avviato nel corso del 2019, da cui è anche conseguita la revisione della stima dei costi a finire delle commesse in portafoglio e il ridimensionamento della capacità produttiva in Norvegia.

Tabella 2 – Dati patrimoniali e finanziari

Anno 2019 Dati patrimoniali
e finanziari
Unità di misura 1° semestre 2020 1° semestre 2019
1.786 Capitale investito netto euro/milioni 1.867 1.962
1.050 Patrimonio netto euro/milioni 887 1.238
(736) Posizione finanziaria netta euro/milioni (980) (724)

Il Capitale investito netto al 30 giugno 2020 è pari a 1.867 milioni di euro, in crescita rispetto ai 1.786 milioni di euro al 31 dicembre 2019.

La Posizione finanziaria netta consolidata, che non ricomprende i construction loans, presenta un saldo negativo (a debito) per 980 milioni di euro (a debito per 736 milioni di euro al 31 dicembre 2019). L’incremento della Posizione finanziaria netta consolidata è dovuto principalmente alle dinamiche tipiche del capitale circolante relativo alla costruzione di navi da crociera, accentuato dallo slittamento della data di consegna di un’unità cruise prevista nel semestre e di parte degli incassi commerciali attesi nel periodo.

Company Outlook

All’evento “Digital Italian Equity Week 2020”, organizzato da Borsa Italiana, che si è svolto il giorno 15 settembre 2020, Fincantieri ha presentato i principali obiettivi:

  • I volumi di produzione dovrebbero tornare ai livelli pre-Covid nella seconda metà dell’anno.
  • I ricavi della seconda metà del 2020 dovrebbero essere sostanzialmente in linea con i ricavi della seconda metà del 2019.
  • Sono previste in consegna tre unità dai cantieri italiani nella seconda metà dell’anno.
  • Avanzamento degli ordini per il Ministero della Difesa del Qatar e per il rinnovo della flotta della Marina Militare Italiana.
  • Il portafoglio degli ordini porterà un robusto miglioramento dei risultati del Gruppo nel medio-lungo termine.


Il titolo a Piazza Affari e le indicazioni operative

Le azioni Fincantieri hanno lasciato sul parterre di Piazza Affari il 30% negli ultimi sei mesi, con una volatilità giornaliera del 3,02%, nonostante le numerose raccomandazioni degli analisti che attribuiscono al titolo un target price intorno a 0,60 euro, di gran lunga superiore ai prezzi correnti.

Ultime raccomandazioni:

Broker Raccomandazione Target Price Data
Equita SIM hold 0,61 euro 12/08/2020
Exane neutral 0,61 euro 03/08/2020
Kepler Cheuvreux hold 0,58 euro 15/07/2020
Mediobanca neutral 0,60 euro 18/05/2020

A livello grafico, il trend del titolo è ribassista, con i prezzi che scambiano a 0,4688 euro, ormai vicini all’importante livello di supporto individuato in area 0,4220 euro.

Le attese sono per una correzione rialzista dei prezzi nel breve periodo, con primo target fissato in area 0,55 euro da manifestarsi entro i prossimi 5 mesi, utile peraltro a smaltire l’eccesso di ipervenduto accumulato e a riallineare, almeno in parte, il rendimento del titolo, rispetto al rendimento dell’indice di riferimento FTSE Italia MidCap.

Disclaimer:
Le indicazioni sono da considerarsi meri strumenti di informazione, e non intendono in alcun modo costituire consulenza finanziaria, sollecitazione al pubblico risparmio o promuovere alcuna forma di investimento.
(A cura dell’Ufficio Studi Teleborsa)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Fincantieri argina la tempesta Covid: produzione e redditività attese...