Fideuram, record di massa amministrata nonostante il Covid

(Teleborsa) – Alla fine di settembre 2020 le masse amministrate dal Gruppo Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking hanno raggiunto quota 243,8 miliardi di euro, in aumento di 1,1 miliardi rispetto al 31 dicembre 2019 (242,7 miliardi di euro), raggiungendo il livello più alto mai registrato. Il risultato è stato reso possibile anche grazie agli 8,2 miliardi di euro di raccolta netta nei primi nove mesi del 2020. Nonostante l’emergenza sanitaria, la raccolta netta è stata in crescita dell’11% rispetto ai primi nove mesi dell’anno scorso (7,3 miliardi di euro).

L’analisi per aggregati mostra che la raccolta di risparmio gestito, pari a oltre 2,5 miliardi di euro, ha registrato un forte incremento (+158%) rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno in cui si era attestata al di sotto di 1 miliardo di euro. In totale, il risparmio gestito vale 164,5 miliardi di euro, pari a oltre il 67% delle masse amministrate. La componente di risparmio amministrato, positiva per 5,6 miliardi di euro, ha mostrato una flessione di circa 0,7 miliardi rispetto allo stesso periodo del 2019. L’utile netto consolidato si è attestato a 623 milioni di euro, in contenuta flessione (-5%) rispetto ai primi nove mesi del 2019 principalmente a seguito di un aumento delle rettifiche di valore nette su crediti e delle imposte sul reddito.

“Abbiamo affrontato i primi nove mesi dell’anno in un contesto di emergenza sanitaria senza precedenti – ha dichiarato Tommaso Corcos, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking – L’incertezza socioeconomica che ne è derivata ha spinto le famiglie italiane a una più marcata propensione al risparmio“. “Nonostante il periodo complesso, stiamo continuando un importante processo di rafforzamento e riposizionamento delle attività, in Italia e all’estero, per servire sempre meglio i nostri clienti. Siamo certi che l’acquisizione della partecipazione di maggioranza in REYL & Cie SA e l’arrivo dei colleghi di Ubi Private e di IWBank porteranno ancor maggiore valore alla nostra Divisione”, ha aggiunto.

Al 30 settembre 2020 la struttura distributiva del Gruppo Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking si avvaleva di 5.785 private banker, con un portafoglio medio pro-capite di oltre 42 milioni di euro. I costi operativi netti, di 443 milioni di euro, hanno registrato una diminuzione di 5 milioni (-1%) nei primi nove mesi del 2020 rispetto al corrispondente periodo dell’anno scorso. Le spese del personale, pari a 255 milioni di euro, si sono ridotte di 8 milioni per l’accentramento di alcune funzioni di controllo presso Intesa Sanpaolo dal settembre 2019.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Fideuram, record di massa amministrata nonostante il Covid