Fiat Chrysler ferma ai box, pesa report Università della West Virginia

(Teleborsa) – Performance debole per il Lingotto, che presenta una variazione percentuale negativa dello 0,80% rispetto alla seduta precedente.

A pesare sulle azioni di Fiat Chrysler è il report dei ricercatori della West Virginia University, lungo ben 74 pagine e citato dal Wall Street Journal. Secondo gli esperti, alcune auto con motore diesel prodotte da Fiat Chrysler Automobiles negli Stati Uniti, mostrerebbero “notevoli discrepanze” nei test sulle emissioni effettuati in laboratorio rispetto a quelli su strada. Una notizia che rischia di far surriscaldare nuovamente il fronte motori in USA, visto che i ricercatori sono gli stessi che aiutarono a scoprire lo scandalo Dieselgate che ha colpito la Volkswagen.

La tendenza di breve di Fiat Chrysler è in rafforzamento con area di resistenza vista a 9,95 Euro, mentre il supporto più immediato si intravede a 9,84. Attesa una continuazione della tendenza al rialzo verso quota 10,06.

Le indicazioni non costituiscono invito al trading.

(A cura dell’Ufficio Studi Teleborsa)

Fiat Chrysler ferma ai box, pesa report Università della West Vi...