Ferrovie, week end “nero”: Italo fermo sulla Roma-Napoli e guasto a Torino

(Teleborsa) – E’ proprio un week end da dimenticare per le ferrovie. Altri inconvenienti e disagi oggi 8 settembre a Torino per nuovo problema elettrico e in seguito “blocco” in linea di un Italo sulla Roma-Napoli quando ancora non si erano “spenti” gli echi di quanto accaduto il giorno precedente. Dopo il mega caos del pomeriggio di eri venerdì 7 settembre provocato al sistema di alimentazione della Direttissima” Alta Velocità Roma-Firenze in zona Capenaalle porta di Roma che ha bloccato Frecce e Italo in entrambe le direzioni con gravi disagi ai passeggeri per ritardi anche superiori alle 4 ore e ripercussioni caos soprattutto a Termini e in altre stazioni della rete, ecco nuovi problemi con nuovi ritardi considerevoli e snervanti attese.

Non si conoscono ancora le cause de guasti ai sistemi di alimentazione dei treni. I tecnici di Rete Ferroviaria Italiana sono in entrambe lo occasioni intervenuti urgentemente per indivuare e risolvere i problemi. A Torino sono state coinvolte le linee in uscita ed entrata da dalla stazione Porta Nuova per Modane (con i treni che fanno servizio per il fine settimana), Milano, Cuneo, Ventimiglia e Genova. Il Frecciarossa 9513 è partito alla volta di Napoli con 73 minuti di ritardo. Dalle 8 la situazione è tecnicamente tornata normale, ma occorrono ore perché tutti i treni possano riprendere il normale orario di marcia.

L’altro problema ha interessato invece la Napoli-Roma AV dove un Italo Alta Velocità di NTV (Nuovo Trasporto Ferroviario) si è bloccato alle 11,50 per un guasto su un tratto di binario tra Anagni e Labico provocando un’altra problematica interruzione alla circolazione ferroviaria. Si tratta dell’Italo AV 8936 Salerno-Venezia Santa Lucia, giunto poi a Roma intorno alle 15:00

A proposito di rimborsi e indennizzi, disposti tra il prezzo totale del biglietto o, a seconda dei casi, ii 50 e 25% di quanto pagato, un nuovo comunicato della società del Gruppo FS rende noto che “Tutti i clienti Trenitalia rimasti coinvolti nei ritardi sulla linea Direttissima Roma Firenze il 7 settembre, in conseguenza di un grave guasto alla linea elettrica tra Settebagni e Capena possono ottenere l’indennizzo a loro dovuto già da domenica 9 settembre. Trenitalia ha infatti immediatamente attivato le necessarie procedure, erogando da subito, fin dalla notte del 7, i primi indennizzi e adottando alcune misure straordinarie rispetto alle norme in vigore”.

“Ai viaggiatori del FR 9540 rimasto fermo in linea Frecciarossa Napoli-Torino, n.d.r.) – dice ancora la nota – sarà corrisposto il rimborso integrale del biglietto e un bonus di pari valore, da “spendere” entro un anno per prossimi viaggi. Per tutti i viaggiatori degli altri treni giunti a destinazione con un ritardo superiore ai 180 minuti Trenitalia garantirà il rimborso integrale del biglietto pagato, misura anche questa non prevista dai regolamenti comunitari adottati da Trenitala. Chi è giunto invece a destinazione con un ritardo pari o superiore ai 120 minuti avrà diritto ad un rimborso del 50% del titolo di viaggio, cash o attraverso un bonus.I passeggeri arrivati a destinazione con 60 minuti di ritardo hanno invece diritto a un rimborso cash o a un bonus pari al 25% del biglietto pagato”.
.
Trenitalia è altresì impegnata a rendere più celeri possibile le procedure per ottenere tali indennizzi su tutti i canali previsti. Basterà che i viaggiatori si rivolgano alle biglietterie e ai Freccia Club di Trenitalia o richiedano l’accredito di quanto dovuto direttamente online su trenitalia.com, dove troveranno ogni ulteriore utile informazione sulle modalità di rimborso.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ferrovie, week end “nero”: Italo fermo sulla Roma-Napoli e...