Ferrovie dello Stato, CdA approva bilancio 2020. Conti impattati dalla pandemia

(Teleborsa) – Il consiglio di amministrazione di Ferrovie dello Stato Italiane ha approvato oggi il bilancio 2020 del gruppo, pesantemente impattato dalla pandamia e dalle restrizioni alla mobilità di persone e merci. I ricavi operativi sono scesi del 12,8% a 10,8 miliardi di euro, l’EBITDA è passato a 1,6 miliardi di euro da i 2,6 miliardi di euro dell’anno precedente.

Il risultato netto di periodo scende a -562 milioni di euro (-1.146 milioni di euro rispetto al 2019; -196,2%) a valle di effetti Covid-19 per 986 milioni di euro. La Posizione Finanziaria Netta (PFN), che si attesta a 8,9 miliardi di euro, varia per poco più di 1,2 miliardi di euro rispetto al 31 dicembre 2019, con un rapporto PFN/Patrimonio netto a 0,2.

“La crisi pandemica ancora in corso sta rappresentando contestualmente una forte discontinuità strategica e operativa e un’opportunità per abilitare un percorso di resilienza trasformativa che consenta al Gruppo FS Italiane e alle società che ne fanno parte di emergere più forti facendo leva sull’esperienza maturata a partire da marzo 2020″, ha commentato Gianfranco Battisti, amministratore delegato e direttore generale di FS Italiane.

Nel 2020 la società ha realizzato un volume di investimenti tecnici pari a 9 miliardi di euro, in crescita del 5% rispetto al 2019 (98% degli investimenti sul territorio nazionale e oltre 7 miliardi in infrastrutture ferroviarie e autostradali), contribuendo allo sviluppo e al rinnovo dei settori trasporto, infrastruttura e logistica. In tale ambito il gruppo ha anche garantito pieno supporto finanziario al settore delle costruzioni e degli appalti, attraverso immissione di anticipazioni ai fornitori per circa 1 miliardo di euro (a fronte dei 0,4 miliardi del 2019).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ferrovie dello Stato, CdA approva bilancio 2020. Conti impattati dalla...