Federalberghi, importanti dati sulle vacanze estive degli Italiani

(Teleborsa) – L’Estate 2019 si presenta con due volti: in incremento minimo dei turisti ed un giro d’affari in deciso calo. E’ quanto emerge dall’ultima ricerca condotta da Federlberghi sulla tendenza delle vacanze estive.

In aumento il numero di turisti italiani che si concederanno una vacanza fuori casa dello 0,3%, con circa il 57,1% della popolazione fra maggiorenni e minorenni che ha già fatto una vacanza nel mese di giugno o si appresta a farla. Il giro d’affari complessivo è di 21,8 miliardi di euro, in diminuzione del 9,5% rispetto ai 24,1 miliardi dell’estate 2018.

Secondo la ricerca, la spesa media si aggira intorno agli 837 euro a persona, in diminuzione rispetto ai 911 del 2018. La vacanza principale costerà 722 euro per chi resta in Italia e circa 1.238 per chi andrà all’estero, con una durata media di circa 10 giorni.

Il mare resta la meta preferita, che accoglierà circa il 71% dei viaggiatori, seguita dalle località d’arte e dalla montagna. La spesa complessiva, invece, si divide: il 28,5% per i pasti, il 23,7% per spese di viaggio, il 21,7% per il pernottamento e il 25,7% per tutte le altre spese.

Agosto si conferma il mese leader per partire, seppur in calo rispetto allo scorso anno. Importante, per la scelta della località, la ricerca delle bellezze naturali del luogo, mentre per circa il 22,1% il ritorno nella stessa località degli anni passati è la scelta migliore. Le attività di svago, per gli italiani in vacanza sono passeggiate, escursioni e gite per conoscere il territorio, senza discriminare eventi tradizionali e folkloristici oltre spettacoli musicali, attività sportive, terme e centri benessere.

Importante il dato riguardante le prenotazioni, con il 48,8% che contatterà direttamente l’albergo per la prenotazione, mentre il 25,8% sceglierà la struttura mediante un portale di prenotazione. In diminuzione la visita in un’agenzia di viaggi (20,4%) e un tour operator (5,7%). Nonostante la moda dilagante dei last-minute, nel 65,9% dei casi, gli italiani prenotano l’alloggio estivo con due mesi e più di anticipo. Nota dolente, invece, per il 39,5% della popolazione che non farà vacanze fra giugno e settembre: principalmente per motivi economici (57%), impedimenti di salute (23%) e familiari (17%), per impegni di lavoro (15%).

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Federalberghi, importanti dati sulle vacanze estive degli Italiani