Fed lascia i tassi invariati ma rassicura che l’economia è forte

(Teleborsa) – Nessuna sorpresa dalla Fed, che come atteso ha lasciato lo status quo sui tassi di interesse mantenendoli all’1,75-2%.

L’annuncio della Banca centrale americana è arrivato ieri 1° agosto al termine della riunione di due giorni del Federal Open Market Committee – il braccio di politica monetaria della Fed. La decisione arriva dopo che nel 2018 sono già stati fatti due rialzi e se ne attendono altri due, uno a settembre e l’altro a dicembre.

A giustificare un giro di vite sul costo del denaro, l’economia americana che dà segni di vigore. Fino a oggi la politica della Fed è stata definita dalla stessa Banca Centrale Americana  “accomodante” e la stretta annunciata in modo “graduale”. Ora si guarda ai cambiamenti con un mercato del lavoro che ha “continuato a rafforzarsi e l’attività economica è cresciuta a un tasso forte”.

Basti guardare alla prima lettura del PIL USA del secondo trimestre, diffusa venerdì scorso e che è stata pari a un +4,1%, massimo di 4 anni. Intanto, venerdì 3 agosto si attende il dato sul tasso di disoccupazione statunitense. Come si sa, il mercato del lavoro è uno dei dati che tastano il polso dell’economia. Buone notizie anche per l’inflazione “vicina” al tasso di crescita annuo del 2% che è fissato come obiettivo dalla Fed per una normalizzazione sulla politica monetaria.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Fed lascia i tassi invariati ma rassicura che l’economia è fort...