FED alza tassi di 75 punti base: maggiore rialzo dal 1994

(Teleborsa) – La banca centrale statunitense ha alzato i tassi di interesse di 75 punti base, un livello superiore al consensus di 50 punti base. Tuttavia, negli ultimi giorni le aspettative si erano spostate verso l’aumento effettivamente deciso dalla FED, anche per delle insistenti indiscrezioni che non erano state smentite dalla FED. Il Federal Open Market Committee ha quindi portato il suo tasso di riferimento a un intervallo compreso tra l’1,5% e l’1,75%. L’inflazione persistentemente elevata ha costretto la Federal Reserve a realizzare il suo più grande aumento in una singola riunione dal 1994.

Il Comitato di politica monetaria “prevede che i continui aumenti dell’intervallo obiettivo saranno appropriati” si legge nello statement rilasciato al termine della riunione di due giorni. Inoltre, il Comitato “continuerà a ridurre le sue partecipazioni in titoli del Tesoro e titoli di debito di agenzie e titoli garantiti da ipoteche di agenzie, come descritto nei Piani per la riduzione delle dimensioni del bilancio della Federal Reserve emessi a maggio – viene aggiunto – Il Comitato è fermamente impegnato a riportare l’inflazione al suo obiettivo del 2%“.

Per quanto riguarda l’analisi della salute dell’economia, viene sottolineato che l’attività economica complessiva “sembra essersi ripresa dopo il rallentamento nel primo trimestre” e che c’è stata una robusta creazione di posti di lavoro negli ultimi mesi, con un tasso di disoccupazione rimasto basso. “L’inflazione rimane elevata, riflettendo gli squilibri di domanda e offerta legati alla pandemia, l’aumento dei prezzi dell’energia e le più ampie pressioni sui prezzi”, viene evidenziato. L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia e i lockdown cinesi legati al Covid sono citati come elementi che pesano su crescita e inflazione.

Hanno votato a favore dell’azione di politica monetaria Jerome Powell, presidente; John Williams, vicepresidente; Michelle Bowman; Lael Brainard; James Bullard; Lisa Cook; Patrick Harker; Filippo Jefferson; Loretta Mester; e Christopher Waller. A votare contro questa azione è stata Esther George, che ha preferito in questa riunione aumentare l’intervallo target per il tasso sui fondi federali di 0,5 punti percentuali dall’1,25% all’1,5%.

Secondo il “dot plot” delle aspettative dei singoli membri, il tasso di riferimento della FED chiuderà l’anno al 3,4%, una revisione al rialzo di 1,5 punti percentuali rispetto alla stima di marzo e che implica un ulteriore inasprimento di 175 punti base quest’anno. Il comitato vede quindi il tasso salire al 3,8% nel 2023, un punto percentuale in più. I funzionari hanno anche ridotto significativamente le loro prospettive per la crescita economica del 2022, anticipando ora solo un aumento del PIL dell’1,7%, in calo dal 2,8% di marzo. La disoccupazione potrebbe salire al 4,1% a fine 2024 dal 3,6%.