Fed, al via il FOMC. E’ battaglia tra falchi e colombe

(Teleborsa) – Riflettori accesi sulla riunione del FOMC, il comitato di politica monetaria della Federal Reserve, che inizia oggi per concludersi domani con il tanto atteso annuncio sui tassi d’interesse. 

Mentre gli investitori si aspettano che questa settimana la Federal Reserve lasci invariata la politica dei tassi di interesse, restando tra l’1,00% e l’1,25%, in molti prevedono che il Comitato annunci l’avvio del processo di inversione del quantitative easing e la riduzione del bilancio da 4.400 miliardi di dollari, vista la grande risonanza data all’intenzione di intraprendere questa strada e il recente intervento della Yellen a Jackson Hole. L’ultimo ritocco risale a giugno, quando il costo del denaro è stato elevato di un quarto di punto.

All’interno del Board c’è ancora molta indecisione, in una perenne battaglia fra falchi e colombe, cioè fra chi propende per una stretta monetaria ed i fautori di una politica accomodante. A guidare le colombe è proprio la Chairwoman della Fed, Janet Yellen, per una propensione personale verso una politica monetaria più morbida ed anche per rispondere alle pressioni esercitate dall’Amministrazione Trump, favorevole ad un sostegno incondizionato all’economia ed a stimoli monetari e fiscali.
 
Sebbene il FOMC abbia già dichiarato il ritmo con cui intende ridurre le posizioni che detiene in Treasury, obbligazioni di agenzie governative e MBS (acquisti effettuati durante la recessione e la crisi finanziaria del 2007-2009 per ridurre gli oneri finanziari a lungo termine e stimolare economia e mercati del credito), secondo Salman Ahmed, Chief Investment Strategist di Lombard Odier IM, questa settimana non saranno rivelati ulteriori dettagli, in assenza di decisioni importanti sulla portata finale del bilancio e sulla sua composizione.

Il FOMC pubblicherà inoltre l’aggiornamento di settembre del Summary of Economic Projection. Considerati i dati in arrivo, l’esperto si attende solo piccoli cambiamenti alle proiezioni del FOMC, senza alcuna revisione della crescita. In particolare il FOMC potrebbe ridurre la previsione di inflazione media per il 2017 e il 2018.
 
Secondo l’analisi dell’esperto, il FOMC confermerà un aumento dei tassi questo dicembre, soprattutto alla luce dell’ultima relazione sull’inflazione, e potrebbe introdurre un percorso di rialzo più graduale per il 2018-2019. 
I mercati, tuttavia, continuano a sottovalutare l’esigenza di una continua normalizzazione della politica monetaria negli Stati Uniti, e scontano solo 40 bps di rialzo entro la fine del 2017, spiega Salman Ahmed specificando invece che il FOMC si aspetta circa 100 bps per lo stesso periodo. Anche se il FOMC dovesse rivedere al ribasso il percorso previsto, il mercato continua comunque a sottovalutare la necessità di tassi d’interesse più alti negli Stati Uniti, considerato lo stato del ciclo economico. Gli ultimi sviluppi nel mercato obbligazionario, con la riduzione degli spread tra i Treasury a due e dieci anni, indicano che forse il FOMC sta spingendo troppo nel tentativo di normalizzare le condizioni monetarie.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Fed, al via il FOMC. E’ battaglia tra falchi e colombe