FCA, trovato accordo per chiudere caso su emissioni diesel in USA

(Teleborsa) – FCA US controllata di Fiat Chrysler Automobiles ha raggiunto accordi definitivi con U.S. Environmental Protection Agency (EPA), U.S. Department of Justice (DOJ), California Air Resources Board (CARB), Stato della California, altri 49 Stati USA e U.S. Customs and Border Protection su pretese civili, ambientali e relative alla tutela dei consumatori concordando di pagare circa 400 milioni di dollari USA in sanzioni civili, confermando le indiscrezioni della stampa americana, per porre fine alle divergenze in materia di emissioni diesel.

Lo fa sapere FCA con una nota aggiungendo di aver transato inoltre una class action promossa per conto di privati consumatori.

Le somme da corrispondere ai consumatori, il costo stimato della estensione di garanzia ed dell’ attività di miglioramento ambientale concordate sono inoltre pari a circa 400 milioni di dollari USA. Il totale di 0,8 miliardi di dollari USA che ne risulta è in linea con l’accantonamento effettuato dalla società a tale fine nel terzo trimestre del 2018.

FCA precisa che “gli accordi transattivi non modificano la posizione della Società secondo cui FCA non ha mai adottato qualsivoglia disegno deliberatamente diretto ad installare impianti di manipolazione per aggirare i test sulle emissioni. Inoltre, il consent decree e gli accordi transattivi non contengono alcun accertamento od ammissione in merito a qualsivoglia pretesa violazione delle norme sulle emissioni”.

Siamo consapevoli dell’incertezza che questa vicenda ha creato per i nostri clienti, e confidiamo che questa soluzione preservi la fiducia che ripongono in noi“, ha commentato Mark Chernoby, Head of North American Safety and Regulatory Compliance.

Gli accordi sono ora stati depositati presso la divisione di San Francisco della Corte Distrettuale degli Stati Uniti, Distretto Nord della California, in attesa di approvazione giudiziaria.

Le sanzioni civili, pari a circa 400 milioni di dollari USA, comprendono: 305 milioni di dollari USA dovuti a U.S. Environmental Protection Agency (EPA), U.S. Department of Justice (DOJ) e California Air Resources Board (CARB) per pretese in materia ambientale; 13,5 milioni di dollari USA dovuti al California Attorney-General per pretese relative alla tutela dei consumatori e costi di environmental mitigation; 72,5 milioni di dollari USA dovuti a diversi Attorney-General di altri stati USA per pretese relative alla tutela dei consumatori e costi di environmental mitigation; 6 milioni di dollari USA dovuti alla Customs and Border Protection.

Inoltre, FCA US pagherà 19 milioni di dollari USA allo Stato della California per iniziative di riduzione delle emissioni, al contempo finanziando l’upgrade di 200.000 catalizzatori ad alta efficienza nel settore after-market.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

FCA, trovato accordo per chiudere caso su emissioni diesel in USA