FCA, Marchionne: non è il momento per alleanze. Meno diesel in futuro

(Teleborsa) – Nessuna alleanza in vista per FCA, “non è il momento”, ha dichiarato l’amministratore delegato Sergio Marchionne in merito ad alcune indiscrezioni su contatti con la Aston Martin. “Sono scambi che devono esistere, scambi piacevoli. Ma non concludiamo nulla perché non c’è nulla da concludere”. “Siamo concentrati sugli obiettivi al 2020 – ha aggiunto il numero uno ella casa automobilistica al Salone dell’auto di Ginevra – siamo impegnati su questo. Ora non è il momento, siamo troppo occupati”.

Marchionne ha poi assicurato che ci sarà sempre meno diesel nella produzione di Fiat Chrysler Automobiles. “Diminuiremo la dipendenza dal diesel nel futuro, non abbiamo scelta. Se il mercato da’ un messaggio chiaro contro il diesel dovremo fare così”.

Sull’eventualità che nello stabilimento di Pomigliano d’Arco si possa cominciare a produrre un modello jeep, il manager italo-canadese ha dichiarato: “può darsi, aspettiamo il primo giugno, quando sarà presentato il nuovo piano industriale di Fiat Chrysler”.

Non preoccupano i dazi americani. Marchionne ha calcolato che “possiamo assorbirli nel 2018, abbiamo già visto questo cambiamento di prezzi che è iniziato a dicembre”. “Non dobbiamo entrare in questa guerra psicologica, bisogna essere cauti e lavorare con l’amministrazione americana. Non sono così pessimista”, ha aggiunto il numero uno di FCA.

FCA, Marchionne: non è il momento per alleanze. Meno diesel in f...