Fatturazione a 28 giorni, agli utenti dovranno essere reintegrati tutti i giorni erosi

(Teleborsa) – Nuovo chiarimento dell‘AgCom sulle bollette a 28 giorni. Dopo che ieri 14 marzo l’Autorità per la Garanzia nelle Comunicazioni aveva annunciato giorni di traffico “gratuito” come rimborso per le famigerate bollette, in una nuova nota, l’Authority precisa che nelle delibere assunte (112, 113, 114, 155/18/CONS) e pubblicate sul suo sito web, “viene chiaramente indicato che la decorrenza delle fatture emesse dopo il ripristino della cadenza mensile dovrà essere posticipata di un numero di giorni corrispondente a quelli indebitamente erosi a causa del passaggio alla fatturazione a 28 giorni, a partire dal 23 giugno 2017, ovvero dalla data successiva di sottoscrizione del contratto”.

L’AgCom sottolinea inoltre che “non risponde alla decisione adottata dal Consiglio dell’Autorità quanto riportato da alcuni organi di stampa, secondo cui esisterebbe un limite massimo di 15 giorni per il reintegro spettante agli utenti“.

L’Authority chiarisce inoltre che “restano impregiudicati i rimborsi, su cui dovrà pronunciarsi il TAR del Lazio, spettanti a quegli utenti che risulteranno aver cambiato operatore successivamente alla predetta data del 23 giugno 2017″.

Fatturazione a 28 giorni, agli utenti dovranno essere reintegrati tutt...