Family Business, Conte: “Consapevoli delle difficoltà ma svolta in arrivo”

(Teleborsa) – Risarcimenti ai risparmiatori truffati, andamento del Pil, spending review, e ancora, Sblocca cantieri, guerra dei dazi e divergenze all’interno della maggioranza di Governo. Questi i temi trattati dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, intervenuto oggi a Brescia alla seconda edizione di Family Business: il festival laboratorio che racconta le imprese familiari italiane organizzato da Corriere della Sera, UniversitàBocconi e AIDAF – Associazione italiana delle aziende familiari.

“Siamo consapevoli del momento di difficolta ma non dobbiamo piangerci addosso” ha affermato il premier all’indomani dell’approvazione deldecreto Crescita. “Le misure approvate – ha aggiunto Conte – ci consentiranno di affrontare con grande concentrazione il futuro. Cerchiamo di favorire la crescita in vista di uno sviluppo sostenibile. Soprattutto per le Piccole e medie imprese”. Nel decreto Sblocca cantieri “c’è un lunghissimo elenco di provvedimenti. Se qualcuno si azzarda a dire che siamo contro le imprese mi arrabbio”, ha sottolineato il Premier.

Riguardo alla crescita le recenti previsioni negative per il 2019 non sembrano preoccupare il premier. “Non mi interessa aumentare il Pil solo per il 3% della popolazione”, ha detto Conte sottolineando che le misure per la crescita devono avere anche obiettivi sociali di ridistribuzione. “Faremo di tutto per tenere i conti in ordine, su questo dovete stare tranquilli” ha affermato il presidente del Consiglio. La svolta per il Premier potrà avvenire nel secondo semestre dell’anno “quando sarà posta fine alla guerra dei dazi il quadro economico internazionale cambierà, ci aspettiamo un crescita più robusta”. “Potrebbe esserci la svolta da un momento all’altro”», ha aggiunto.

“Ci sono delle clausole (di salvaguardia, ndr) importanti da fronteggiare, ma ci lavoriamo con vari interventi” ha affermato Conte aggiungendo che tra le misure allo studio del Governo, vi è anche “una spending rewiew più oculata”.

E sul nodo dei risarcimenti ai risparmiatori vittime dei crac bancari – non inseriti nel Decreto approvato ieri e al centro di uno tra scontro Movimento Cinque Stelle e Lega – il presidente del Consiglio rassicura: “C’è stato un confronto sereno perché tutti quanti avevamo le idee chiare: abbiamo un miliardo e mezzo da sbloccare nel limiti delle regole europee. Quando vedo qualche ricostruzione sorrido”. Per Conte “nessun problema con la Lega”, dunque, ma solo “normale la dialettica politica che sicuramente continuerà con la competizione europea in ciascuno cerca di allargare il proprio spazio politico e lo fa dichiarando ai giornali, suggerendo qualche retroscena, facendo la voce grossa”. Un confronto dialettico che, afferma Conte, “non mette in discussione l’attività del governo” ma rende il suo ruolo di presidente del Consiglio “più incisivo, essendo garante del contratto tra le due forze di Governo che hanno sensibilità diverse”.

“La mia prospettiva – ha concluso Conte – è l’intera legislatura”.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Family Business, Conte: “Consapevoli delle difficoltà ma svolta...