Famiglie italiane più ottimiste e più cicale. Cresce la voglia di spendere

(Teleborsa) – Italiani più ottimisti e più disposti a spendere. Il paradigma fiducia-propensione agli acquisti viene confermato dal Global Consumer Confidence Survey della società di consulenza Nielsen, che effettua questa analisi su un campione di 30 mila individui presenti in 63 Paesi, tra cui l’Italia. Una tendenza alla crescita dei consumi nel 2016 già delineata da Confcommercio.

Dal report emerge che 1 italiano di 5 è pronto a fare acquisti e che l’indice di fiducia degli italiani nel quarto trimestre 2016 è risultato in crescita di 1 punto rispetto al trimestre precedente a 58 punti. Su questo livello, l’indice si conferma in frenata rispetto allo stesso periodo del 2015 (61) e rispetto al picco più alto registrato nel 2010, ma risulta ben al di sopra al minimo toccato durante la crisi nel 2012 (39 punti). 

La fiducia dei consumatori italiani, pure su questi livelli, resta molto lontana dalla media europea di 81 punti, trainata principalmente da Germania (101) e Regno Unito (102), ma anche da Francia (66 punti) e Spagna (86). L’unico Paese che sta peggio è la Grecia (53 punti).

E se cresce la voglia di spendere, nello stesso tempo si riduce la propensione a risparmiare, che inizia gradualmente a ridursi, grazie al miglioramento della situaizone economica personale: 1 italiano su 4 ritiene che la propria posizione economica sia in miglioramento.

Famiglie italiane più ottimiste e più cicale. Cresce la voglia di spendere
Famiglie italiane più ottimiste e più cicale. Cresce la voglia di&nb...