Facebook, bug ha reso pubblici dati di 14 milioni di utenti

(Teleborsa) – Nuovi guai per Facebook, già alle prese con la gestione dello scandalo Cambridge Analytica.

Un bug in un programma del primo social network al mondo ha reso pubblici 14 milioni di post privati.
I post, fa sapere la società di Menlo Park, fanno riferimento a messaggi a singole persone o informazioni scambiate con piccoli gruppi di persone.

L’errore è stato scoperto dopo dieci giorni a maggio e cambiava le preferenze sulla privacy in automatico senza avvertire gli utenti.

“Abbiamo risolto questo problema e da oggi informeremo tutte le persone coinvolte chiedendogli di rivedere ogni post fatto in quel periodo di tempo”, si legge in una nota del capo della privacy di Facebook, Erin Egan che ha confermato come il bug non ha coinvolto nessun contenuto condiviso prima di quei dieci giorni di maggio, compresi tra il 18 e il 27 del mese.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Facebook, bug ha reso pubblici dati di 14 milioni di utenti