Exprivia e Italtel ora insieme: il futuro poggia sulla presenza internazionale

(Teleborsa) – Exprivia un anno dopo: Italtel è stata acquisita. E’ stato questo l’oggetto della presentazione alla Star Conference 2018 di G. Sebastiano, direttore della pianificazione strategica ed investor relator di Esprivia, che ha fatto una panoramica delle due società, ieri e oggi, offrendo anche qualche dettaglio in mero ai numeri.

Exprivia è una società nata nel 2005 da una società di Molfetta, Abaco Software, ed AISoft@are. La società opera nell’ICT che vanta una storia di crescita dei ricavi e redditività. Si distingue per una crescita organica e stabile, ma anche per acquisire società target ben individuate nel corso della sua storia, ultima in ordine di tempo Italtel.

Italtel è una società storica che ha seguito la digitalizzazione in Italia e che ha raggiunto una dimensione ragguardevole negli anni ’80 e ’90 con una presenza molto estesa in Paesi dell’UE e America Latina. Partecipata da Cisco che oggi è partner si Exprivia.

Exprivia ha chiuso l’anno con 157,1 milioni di euro di fatturato (+14%), mentre l’EBITDA adjusted è pari a 16,2 milioni di euro. Italtel ha chiuso l’anno con più di 430 milioni di euro di fatturato (+6%), di cui 270 milioni realizzato sul mercato domestico (63), e 160 milioni sui mercati internazionali (America Latina, Francia, Germania e UK). L’EBITDA adjusted è di 14,8 milioni, mentre al netto dei costi di ristrutturazione è pari a 20 milioni in leggera crescita rispetto ai 19 milioni del 2016.

Del futuro del nuovo gruppo ha parlato il Presidente Domenico Favuzzi 

“Oggi è il primo incontro dopo la chiusura dell’acquisizione Italtel il 14 dicembre scorso” ha esordito il Presidente del gruppo, Domenico Favuzzi, nel corso della Star Conference di Borsa Italiana, spiegando che si è trattato di una procedura un po’ lunga con una ricapitalizzazione di 113,8 milioni di euro sottoscritta anche da Cisco in qualità di azionista e dalle banche creditrici. Oggi Exprivia detiene l’81% del capitale ed il 19% è in portafoglio di Cisco.

“Il gruppo che esce fuori da questa operazione è un gruppo molto importante per le dimensioni italiane”, ha aggiunto il manager, ricordando i 700 milioni di fatturato sfiorati dal combinato Exprivia-Italtel.

“Il progetto si basa anche su una forte presenza internazionale”, ha spiegato Favuzzi, ricordando in particolare la presenza in America Latina e USA. 

Exprivia e Italtel ora insieme: il futuro poggia sulla presenza i...