export, le più dinamiche sui mercati internazionali Lombardia, Piemonte e Lazio

(Teleborsa) – Crescono le esportazioni delle regioni italiane nel terzo trimestre, ma la crescita resta pressoché doppia al Nord rispetto al Mezzogiorno e quattro volte superiore nelle regioni settentrionali rispetto al Centro. E’ quanto emerge dall’ultimo report dell’Istat sulle esportazioni delle regioni italiane. 

Nel terzo trimestre 2017, l’export risulta in crescita per tutte le ripartizioni: +3% per le regioni nord-orientali, +1,4% per l’Italia meridionale e insulare, +0,9% per le regioni nord-occidentali e +0,7% per l’Italia centrale.

Nel periodo gennaio-settembre 2017, a fronte di un aumento medio nazionale dell’export del 7,3% rispetto all’anno prima, si registrano incrementi delle vendite sui mercati esteri per le regioni delle aree insulare (+33,8%), centrale (+8,2%), nord-occidentale (+8%) e nord-orientale (+5,5%). Si rileva invece una leggera diminuzione per le regioni dell’area meridionale (-0,1%).

Tra le regioni che forniscono il maggiore contributo alla crescita tendenziale delle esportazioni nazionali si segnalano: Lombardia (+7,3%), Piemonte (+8,9%), Lazio (+17,7%), Emilia-Romagna (+5,8%) e Veneto (+5,1%). Diversamente, si registrano segnali negativi in particolare per Basilicata (-16,4%) e Molise (-30,4%).

Nei primi nove mesi dell’anno, la positiva performance all’export delle province di Frosinone, Milano, Siracusa, Monza e della Brianza, Cagliari e Torino contribuisce positivamente all’export nazionale. I maggiori contributi negativi provengono da Potenza e Ascoli Piceno.

export, le più dinamiche sui mercati internazionali Lombardia, Piemon...