Exploit di Chesapeake Energy: mantiene invariato il limite d’indebitamento

(Teleborsa) – Protagonista Chesapeake Energy, che registra un rialzo del 12,86% dopo aver ribadito il suo limite di indebitamento a 4 miliardi di dollari, in un momento in cui la maggior parte dei produttori di petrolio e gas si stanno preparando per tagliare le loro linee di credito.

Su base settimanale, il trend del titolo è più solido rispetto a quello dell’indice S&P-500. Al momento, quindi, l’appeal degli investitori è rivolto con più decisione a Chesapeake Energy rispetto all’indice di riferimento.

Il quadro di medio periodo di Chesapeake Energy ribadisce l’andamento negativo della curva. Nel breve periodo, invece, si intravede la possibilità di un timido spunto rialzista che incontra la prima area di resistenza a 4,349 dollari USA. Primo supporto individuato a 4,119. La presenza di eventuali spunti positivi propendono per un movimento verso l’alto con target 4,579.

Le indicazioni sono da considerarsi meri strumenti di informazione, e non intendono in alcun modo costituire consulenza finanziaria, sollecitazione al pubblico risparmio o promuovere alcuna forma di investimento.
(A cura dell’Ufficio Studi Teleborsa)

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Exploit di Chesapeake Energy: mantiene invariato il limite d’ind...