Ex Ilva, sindacati rompono relazioni industriali con Mittal

(Teleborsa) – Sempre più preoccupante il dossier ex Ilva con Fiom, Fim e Uilm che hanno deciso di interrompere le relazioni industriali con ArcelorMittal. Secondo quanto si apprende dalle stesse fonti sindacali, la decisione di non confrontarsi più con la multinazionale dell’acciaio è stata presa dopo il Consiglio di fabbrica di questa mattina chiamato a fare il punto della situazione dopo la call conference di ieri con i Ministri Stefano Patuanelli (MiSE), Roberto Gualtieri (MEF) e Nunzia Catalfo (Lavoro).

Sindacati compatti nel chiedere un intervento immediato e non più prorogabile, come sottolinea a gran voce Rocco Palombella, Segretario generale Uilm, nel suo intervento a Radio Anch’io. “Una situazione che dura da 8 anni, i lavoratori sono esasperati e dal Governo non arrivano soluzioni alternative al piano presentato da Mittal venerdi scorso. ArcelorMittal senza un’esplicita dichiarazione vuole andarsene e portare allo spegnimento gli impianti, licenziare 5mila lavoratori e bloccare il risanamento ambientale. Il Governo deve impedirlo ad ogni costo”.

Cresce il pressing intorno all’esecutivo chiamato in poco tempo a intervenire. Il piano di ArcelorMittal “è inaccettabile”, ha detto Alessandra Todde, Sottosegretaria al Ministero dello Sviluppo Economico aggiungendo che “lo Stato deve entrare perché è una filiera da salvaguardare e insieme alla filiera c’è un indotto. Dobbiamo trovare partner seri”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ex Ilva, sindacati rompono relazioni industriali con Mittal