Evasione fiscale, per i professionisti arriva l’obbligo di denuncia dei propri clienti

Il nuovo meccanismo di tax whistleblowing sarà attivo entro la fine dell'anno

Scatta l’obbligo per commercialisti, avvocati e tributaristi di denunciare eventuali condotte fraudolente dei propri clienti. Per effetto del recepimento da parte dell’Italia della direttiva 2018/822/Ue (la cd. Dac6), tale dovere non ricadrà solo in capo ai professionisti, ma anche su banche e intermediari finanziari.

Si parla già di tax whistleblowing, ovvero della segnalazione di illeciti (reati e irregolarità) alle autorità da parte di un soggetto adesso applicabile specificatamente anche al settore fiscale/tributario. Funzionerà così: tutte le volte che un cliente manifesterà la volontà di voler commettere illeciti o è intenzionato a porre in essere attività fraudolente, il professionista dovrà denunciare all’Amministrazione Finanziaria tali intenzioni.

Sulla questione si è tentato di fare il punto il 18 e 19 novembre al convegno “Whistleblowing e prevenzione dell’illegalità” organizzato dall’Università Statale di Milano. L’obiettivo del recepimento della Dac6 (Mandatory disclosure rules-Mdr for intermediaries) è quello di promuovere delle azioni concrete per la lotta all’evasione fiscale, nazionale e internazionale. Per questo motivo l’Italia, con la legge di delegazione europea 2018 (L. 117/19), si è impegnata ad adottare la direttiva Ue entro il 31 dicembre 2019.

Il whistleblowing, nato qualche anno fa, si configura oggi come uno strumento giuridico che tutela la facoltà – liberamente esercitabile – del lavoratore dipendente che se vuole può (non deve) segnalare eventuali condotte illecite di colleghi o amministratori alle autorità competenti. Riconosciuto nel nostro paese come un diritto giuridicamente tutelato con il dl 179/2017, ora si evolve ed estende al mondo della tasse, diventando un vero e proprio dovere imposto dalla normativa tributaria.

Avvocati, commercialisti, tributaristi, banche ed intermediari finanziari dovranno quindi segnalare all’Amministrazione Finanziaria accordi, schemi o contratti attraverso cui il cliente ha progettato o sta progettando di pagare meno tasse di quelle dovute. Tra i fatti da segnalare rientrano quindi tutti i tentativi di evasione ed elusione anche, in un primo momento, sott’occhio verranno tenuti soprattutto i meccanismi transfrontalieri di pianificazione fiscale potenzialmente aggressivi (definitivi nella direttiva n. 822 del 25 maggio 2018) e i reati fiscali con estensione della responsabilità penale d’azienda di cui al dlgs 231/01.

Un intervento questo che si inserisce perfettamente all’interno dei provvedimenti inseriti dal Governo nella Manovra 2020. Con l’approvazione della prossima Legge di Bilancio, infatti, l’Esecutivo è deciso a dichiarare guerra agli evasori, attraverso mosse specifiche che vanno dall’eliminazione del contante alle agevolazioni per i pagamenti elettronici effettuati da aziende e privati fino all’inasprimento delle pene per i reati tributari. La stretta sugli evasori quindi prosegue e, con il recepimento della Dac6 entro la fine dell’anno, entra ufficialmente nel vivo.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Evasione fiscale, per i professionisti arriva l’obbligo di denun...