Eurozona, nuovo scatto in avanti per l’economia

(Teleborsa) – Nuovo scatto in avanti dell’indice PMI manifatturiero dell’area euro. A dicembre, secondo la lettura flash rilasciata da IHS Markit, l’indice si è spinto fino a 60,6 punti dai 60,1 del mese scorso. Si tratta del nuovo livello record assoluto. Battute le attese che erano per un calo a 59,8.

Fa un passo in avanti anche l’indice PMI dei servizi. Nello stesso mese di dicembre, secondo la lettura flash di Markit, l’indice arriva a 56,5 dai 56,2 del mese scorso. Si tratta del livello più alto da 80 mesi a questa parte. Battute le attese ferme a 56,1 punti.

Nello stesso periodo, il PMI composito dicembre arriva a 58 punti dai 57,5 del mese scorso. Si tratta del livello più alto da 82 mesi a questa parte. Battute le attese di 57,2 punti.

“A fine 2017, l’economia dell’Eurozona ha registrato un picco dello slancio indicando a dicembre l’espansione più rapida dell’attività in quasi 7 anni. La migliore crescita della produzione industriale e dell’entrata di ordini dal 2000 ha spinto l’indice PMI manifatturiero ad un incremento record, mentre il rialzo del terziario al valore più alto dall’inizio del 2011 sottolinea la natura generale dell’attuale balzo in avanti dell’attività. La creazione occupazionale ha indicato un record in poco più di 17 anni e la pressione sui prezzi è rimasta elevata, anche se in leggero rallentamento”, commentano gli economisti di Markit.

Commentando i dati PMI Flash, Chris Williamson, Chief Business Economist presso IHS Markit ha dichiarato: “Con l’approssimarsi della fine dell’anno, e registrando il migliore trimestre dall’inizio del 2011, continua ad aumentare ulteriormente lo slancio dell’economia dell’Eurozona. Il PMI ha segnalato l’impressionante aumento del PIL durante il quarto trimestre dello 0,8%, con crescite osservate sia in Germania che in Francia rispettivamente dell’1% e tra lo 0,7% /0,8%”.

Eurozona, nuovo scatto in avanti per l’economia