Eurozona, anche terziario tenta la ripresa ma resta incognita prospettive

(Teleborsa) – L’economia dell’Eurozona è in chiara accelerazione, trainata sia dal manifatturiero che dai servizi. Lo confermano gli ultimi dati del PMI dei servizi pubblicati da Markit.

A luglio l’indice PMI dei servizi nell’Eurozona è rimbalzato a 54,7 punti dai 48,3 punti di giugno, anche se risulta inferiore ai 55,1 punti del consensus. Il PMI composito, che incorpra anche il miglioramento del manifatturiero, si attesta così a 54,9 punti dai 48,5 precedenti e rispetto ai 54,8 del consensus.

L’Italia vede il PMI dei servizi salire a 51,6 punti dai 46,4 precedenti, sopra le attese (51,1 punti), e quello composito crescere a 52,5 da 47,6. La Francia registra un aumento del PMI servizi a 57,3 da 50,7, sotto il consensus (57,8), e del composito a 57,3 da 51,7 (atteso 57,6). La Germania vede crescere il PMI servizi a 55,6 da 47,3 (consensus 56,7) e composito a 55,3 da 47 (atteso 55,5). Infine, la Spagna segnala un PMI servizi in miglioramento a 51,9 da 50,2 punti contro una previsione di 52.

Va ricordato che un indice superiore a 50 denota espansione dell’attività, mentre un livello inferiore a questa soglia denota un peggioramento dlele condizioni del settore.

“L’attività terziaria dell’eurozona di luglio è tornata a segnare valori in crescita ad un tasso che non si vedeva da più due anni. Francia e Germania hanno beneficiato degli incrementi più forti, ma un ritorno all’espansione è stato registrato anche in Spagna e Italia grazie al progressivo allentamento delle misure di contenimento del Covid-19″, spiega Chris Williamson, capo economista di IHS Markit.

“La sostenibilità della ripresa potrà essere determinata soprattutto dal numero di nuovi casi positivi, e i recenti aumenti di contagi mettono a forte rischio molte aziende del settore terziario come quelle dedicate a viaggi, turismo e ricettività”, avverte l’analisti, aggiungendo che le misure di distanziamento ancora in essere rappresentano il vincolo principale sulle prospettive di ripresa economica a lungo termine”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Eurozona, anche terziario tenta la ripresa ma resta incognita prospett...