Eurozona, a settembre continua a rallentare la crescita manifatturiera

(Teleborsa) – L’Eurozona conferma un rallentamento della crescita del settore manifatturiero a settembre. Lo afferma l’ultimo report di Markit sui PMI, gli indici sulle aspettative dei direttori acquisti delle aziende manifatturiere. L’indice PMI manifatturiero è stato indicato in calo a 58,6 punti dai 61,4 precedenti e risulta inferiore ai 58,7 della stima flash. L’indicatore dello stato di salute del settore manifatturiero si conferma comunque al di sopra della soglia dei 50 punti, che fa da spartiacque fra recessione ed espansione.

A livello nazionale, il PMI in Italia si è indebolito a 59,7 punti (minimo in 7 mesi) dai 60,9 precedenti, risultando al di sopra dei 59,4 del consensus. Il PMI della Germania invece è sceso a 58,4 punti rispetto ai 58,5 precedenti e attesi. Il dato della Francia si è attestato a 55 punti dai 55,2 precedenti e attesi, mentre la Spagna registra un peggioramento a 58,1 punti dai 59,5 del mese precedente e rispetto ai 58,2 attesi.

“Anche se a settembre il settore manifatturiero dell’eurozona è aumentato ad un tasso elevato, le aziende hanno riportato una crescita in notevole diminuzione a causa degli ostacoli causati dalla catena di distribuzione – ha commentato Chris Williamson, Chief Business Economist presso IHS Markit – I problemi sulla fornitura hanno continuato a creare scompiglio in diverse fasce del manifatturiero europeo, con segnalazioni di carenze e ritardi a tassi mai osservati in quasi 25 anni che non mostrano segnali di un qualsiasi imminente miglioramento”.

“I crescenti problemi legati alla fornitura e ai trasporti non solo sono stati citati come principali ostacoli alla produzione e alla domanda, ma ancora una volta hanno spinto notevolmente al rialzo i prezzi di settembre – ha aggiunto – Allo stesso tempo la crescita occupazionale manifatturiera è diminuita in parte a causa dei minori bisogni di personale per la diffusa carenza di componenti”.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Eurozona, a settembre continua a rallentare la crescita manifatturiera