Europa, settore bancario pesantemente colpito da crisi in Ucraina

(Teleborsa) – Il settore bancario europeo è pesatamente impattato dalla crisi in Ucraina, con molti istituti del Vecchio Continente che sono esposti alla Russia e quindi con asset a rischio quando l’Occidente annuncerà nuove sanzioni verso il paese guidato da Vladimir Putin. L’indice EURO STOXX Banks mostra un calo dell’8,15% a quota 96,5 punti, un livello che non si vedeva dallo scorso settembre. I titoli peggiori sono Raiffeisen Bank (Austria), UniCredit (Italia), Erste Bank (Austria), SocGen (Francia) e Deutsche Bank (Germania), banche dei paesi che a loro volta sono i più esposti alla regione oggetto della crisi. Per il momento gli istituti stanno diffondendo messaggi rassicuranti, spiegando che è troppo presto per stimare gli effetti di potenziali contromisure dell’Occidente.

“Stiamo monitorando da vicino gli sviluppi sulla Russia. La Russia è già stata colpita da sanzioni e noi abbiamo sempre adeguato il nostro modo di operare per essere pienamente aderenti”, ha fatto sapere UniCredit in una dichiarazione a Reuters, sottolineando che la controllata in Russia rappresenta meno del 4% del patrimonio complessivo del gruppo e una percentuale ancora inferiore in quanto a impieghi e asset totali. “La nostra rete in Russia conta per circa il 3% dei ricavi del gruppo e del capitale allocato. Tutte le esposizioni sono altamente coperte: la copertura sulle non-performing exposures è salita all’84%. Il bilancio della nostra controllata è molto liquido e autofinanziato”, ha aggiunto l’istituto.

La banca tedesca Commerzbank ha detto di essere solo leggermente coinvolta negli affari in Russia e Ucraina. “La nostra esposizione in Russia e Ucraina è molto gestibile“, ha detto un portavoce, aggiungendo che la banca segue da vicino gli ulteriori sviluppi e adegua costantemente la propria valutazione del rischio. “Siamo preparati per diversi scenari”, ha aggiunto. Deutsche Bank negli anni ha ridotto la sua presenza in Russia con l’aumento delle sanzioni contro il paese. “Abbiamo piani di emergenza in atto”, ha affermato la banca in una nota, sottolineando che “i rischi sono ben contenuti”.

L’austriaca Raiffeisen Bank International a inizio febbraio aveva accantonato 115 milioni di euro per possibili sanzioni contro la Russia. Nella giornata odierna ha fatto sapere che è “prematuro valutare” l’impatto sulla sua attività degli ultimi sviluppi e che le sue banche in Russia e Ucraina sono “ben capitalizzate e autofinanziate”.

La britannica Lloyds ha detto di essere in “allerta intensificata” per attacchi informatici dalla Russia poiché la crisi in Ucraina è peggiorata. “Siamo in stato di massima allerta internamente sui nostri controlli del rischio informatico e ci siamo concentrati su questo ormai da un po’”, ha detto il CEO Charlie Nunn. In quanto focalizzata principalmente sul Regno Unito, Lloyds non è molto esposta direttamente alla Russia, ma si sta comunque preparando a sanzioni più severe. “Questo è ovviamente al centro delle nostre preoccupazione al momento. Abbiamo parlato, come altre organizzazioni di servizi finanziari, con il governo nelle ultime settimane”, ha detto Nunn.