Europa in rosso, a picco le banche italiane

(Teleborsa) – Finale negativo per le principali borse europee appesantite dalla pessima performance dei titoli bancari, a picco a Piazza Affari, penalizzati da risultati trimestrali in chiaro scuro. Giù anche l’intero settore bancario a livello europeo. 

Lieve aumento per l’Euro / Dollaro USA, che mostra un rialzo dello 0,63% così come per l’oro, che sale a 1.273,1 dollari l’oncia. Forte rialzo per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che mette a segno un guadagno del 2,75%, dopo il report dell’EIA che ha mostrato un’inatteso calo delle scorte di greggio negli Stati Uniti. 

Migliora lo spread (differenziale tra il rendimento del BTP e quello del Bund tedesco), scendendo a 133 punti base, con un calo di 3 punti base rispetto al valore precedente, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,45%.

Tra gli indici di Eurolandia, sostanzialmente debole Francoforte, che registra una flessione dello 0,70%; ferma Londra, che segna un quasi nulla di fatto. Sotto la parità Parigi, evidenziando un decremento dello 0,52%. Giornata “no” per la Borsa italiana, in flessione dell’1,28% sul FTSE MIB.

Risultato positivo a Piazza Affari per i settori Chimici (+1,69%), Costruzioni (+0,74%) e Beni e servizi per l’industria (+0,57%). Nel listino, i settori Media (-3,54%), immobiliare (-3,50%) e Banche (-2,38%) sono stati tra i più venduti.

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, ottima performance per Moncler, che registra un progresso del 4,68%, grazie al robusto aumento delle vendite. 

Exploit di Finmeccanica, che chiude con un rialzo del 3,85% beneficiando dell’upgrade di JP Morgan Cazenove. Gli analisti hanno alzato la propria raccomandazione da neutral ad overweight, con target price salito da 12 a 13 euro.

Tra le banche, nel complesso negative, spicca la buona impostazione di Mediobanca, (+1,75%) che ha chiuso il trimestre con utili oltre le attese. I più forti ribassi, invece, si verificano su Banco Popolare, (-9,30%) all’indomani dei risultati trimestrali. Tonfo anche di Banca Popolare di Milano, che mostra una caduta del 6,38%, dopo i conti e l’annuncio della chiusura positiva della due diligence per la fusione con il Banco Popolare. 

Lettera su Mediaset, che registra un importante calo del 4,65%, dopo aver annunciato conti in rosso a causa di Premium.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Europa in rosso, a picco le banche italiane