Eurogruppo, vertice al via a Lisbona fra ottimismo e aspettative su ripresa

(Teleborsa) – Prende il via a Lisbona il vertice informale dell’Eurogruppo, che so svolge sotto la presidenza di turno del Portogallo, per fare il punto sulla situazione dell’emergenza sanitaria e sui segnali di ripresa della Zona Euro, mentre si preparano le riaperture dei confini nell’ambito del Continente. Il Presidente portoghese Joao Leao ha infatti sottolineato che il vertice rappresenta “un momento di svolta” nel momento di cui ci si prepara a “superare la fase d’emergenza” e dare il via alla ripresa. In questa direzione – afferma – è importante “assicurare l’attuazione dei piani nazionali di ripresa e resilienza”.

Il vertice si svolge in un clima di ottimismo per la ripresa e per le riaperture, alla luce dei segnali di miglioramento che arrivano dall’economia europea e dell’accordo trovato sul “passaporto Covid europeo”.

“Le prospettive economiche dell’area euro stanno migliorando, aumentano le vaccinazioni e sono fiducioso che per l’estate sarà raggiunto l’obiettivo del 70% di popolazione vaccinata”, ha affermato il Presidente dell’Eurogruppo, Paschal Donhoe, confermando che la ripresa “si vedrà nella seconda metà dell’anno” e “verrà aiutata dal Recovery fund”.

“Il fatto che siamo qui conferma l’allentamento delle misure restrittive”, ha dichiarato il Commissario europeo all’Economia, Paolo Gentiloni, aggiungendo che “questa è la base della ripresa che finalmente è in corso” e “coinvolgerà anche i settori più colpiti da questa crisi, in particolare viaggi e turismo”. Il commissario ha anche ribadito che è necessario “continuare a sostenere le nostre economie, senza ritiri prematuri degli stimoli” ed ha anticipato che la Commissione europea fornirà le sue indicazioni sulle politiche di Bilancio dei Paesi dell’Area Euro il prossimo 2 giugno assieme al pacchetto di primavera.

Più critico è apparso il Ministro all’Economia francese Bruno Le Maire, il quale ha fatto notare che tornare ai livelli pre-Covid nel 2022 “non basta”, perché l’Europa resterebbe “indietro” rispetto ad USA e Cina, con con un PIL “2 punti al di sotto di dove si sarebbe trovata” senza la pandemia.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Eurogruppo, vertice al via a Lisbona fra ottimismo e aspettative su ri...