Euro Zona, manifattura su livelli quasi da record

(Teleborsa) – Continua l’impennata del settore manifatturiero dell’eurozona a novembre, con forti e più veloci espansioni della produzione e dei nuovi ordini, aiutate dalla crescita record dei nuovi ordini esteri a sua volta sostenuta dal maggiore aumento dei livelli occupazionali dal giugno 1997, data di inizio dell’indagine.

Questo è quanto emerge dal dato definitivo del sondaggio condotto mensilmente da Markit fra i direttori acquisto delle aziende. L’Indice finale IHS Markit PMI del Settore Manifatturiero dell’Eurozona è aumentato a novembre a 60,1 punti, il valore quasi più alto nella storia dell’indagine, secondo solo all’incremento record di aprile 2000. Il PMI è adesso rimasto al di sopra della soglia neutra di non cambiamento di 50 per 53 mesi, con l’ultimo valore leggermente superiore alla precedente stima flash di 60.

A livello nazionale, la Germania si conferma l’economia traino con un indice PMI di 62,5 punti (confermata la stima flash). Stupisce l’Italia, che va a 58,3 punti sul massimo di 81 mesi. Bene anche la Francia a 57,7 punti (57,5 la stima flash), mentre la Spagna si porta a 56,1 punti (massimo su 129 mesi).

“L’indagine di novembre è stata indicativa di incrementi del PMI in tutte le nazioni – commenta Chris Williamson, Chief Business Economist presso IHS Markit – , si può quindi parlare della migliore performance del settore manifatturiero dell’eurozona dal picco raggiunto durante la bolla delle aziende dot-com, più di 17 anni fa. Solo una volta durante i venti anni di storia di questa indagine, nell’aprile del 2000, è stato riportato un valore PMI più alto”.

“Senza ombra di dubbio le imprese si stanno espandendo rapidamente. La crescita occupazionale ha raggiunto il valore record di sempre e la tendenza degli investimenti commerciali sui macchinari è al rialzo. Questo suggerisce come le imprese manifatturiere prevedono che la ripresa si estenderà certamente nel 2018”, conclude l’economista.

Euro Zona, manifattura su livelli quasi da record
Euro Zona, manifattura su livelli quasi da record