Eni prosegue in rosso con settore oil europeo

(Teleborsa) – Giornata all’insegna della debolezza per e azioni dell’Eni, in flessione dell’1,49% sui valori precedenti. Il titolo che fa poco meglio de mercato ed è in linea con l’indice di settore europeo (Stoxx Oil & Energy -1,23%) risente anche dlele vicende del gruppo in Nigeria.

La scorsa settimana un tribunale del Paese africano, per presunte tangenti, ha ordinato la temporanea confisca degli asset ed il congelamento della licenza petrolifera del blocco Opl 245, di cui Eni è proprietaria assieme a Shell. In attesa di accertare i fatti, il titolo con ferma un certo nervosismo.

A livello tecnico, quadro in evidente deterioramento con supporti a controllo stimati in area 14,14 Euro. Al rialzo, invece, un livello polarizzante maggiori flussi in uscita è visto a quota 14,83. Il peggioramento di ENI è evidenziato dall’incrocio al ribasso della media mobile a 5 giorni con la media mobile a 34 giorni. A brevissimo sono concrete le possibilità di nuove discese per target a 13,74.

Le indicazioni non costituiscono invito al trading.
(A cura dell’Ufficio Studi Teleborsa)

Eni prosegue in rosso con settore oil europeo