ENI, la Saipem 12000 lascerà Cipro per andare in Marocco

(Teleborsa) – Salperà a giorni per ilMarocco la nave noleggiata dall’Eni per le attività di perforazione del blocco 3 nella zona economica esclusiva di Cipro, bloccata da due settimane al largo della costa sudorientale dalla marina militare turca per questioni relative alla titolarità dell’area in cui le perforazioni dovevano essere effettuate. 

Dopo essere stata nuovamente bloccata sul suo percorso di navigazione da 5 mezzi navali di Ankara, che hanno minacciato di usare la forza, la Saipem 12000 ha deciso per il momento di cambiare rotta e di lasciare Cipro. Secondo il governo di Nicosia si tratta di una battuta d’arresto che però non impedirà nei prossimi mesi le previste esplorazioni di idrocarburi nella sua zona economica esclusiva. “La Turchia crede che ci spaventerà in modo da farci fermare le nostre attività. Al contrario continueremo con il nostro programma, nonostante tutte le provocazioni”, assicura il governo cipriota.

Il blocco sarebbe durato sino al prossimo 10 marzo, dopo la proroga della prima scadenza: un lasso di tempo troppo lungo per tenere inattiva la nave perforatrice. Secondo indiscrezioni il blocco costava alla compagnia petrolifera italiana 600 mila dollari al giorno. 

Si passa ora alla diplomazia e se non dovesse bastare ai tribunali internazionali.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

ENI, la Saipem 12000 lascerà Cipro per andare in Marocco