Eni, Descalzi: “Approccio integrato e filiera cruciali per sviluppo sostenibile”

(Teleborsa) – Le sfide poste dai cambiamenti climatici e lo sviluppo sostenibile richiedono un approccio sempre più integrato, a 360 gradi, e multidimensionale, che sia sostenibile in tutti gli aspetti, economici, sociali ed ambientali. Un approccio come quello di Eni, che lo ha posto alla base della sua strategia di lungo periodo, che punta sulla creazione di valore a lungo termine.

Lo ha affermato l’Amministratore delegato dell’Eni, Claudio Descalzi, intervenuto conferenza internazionale “The milestones of the Integral ecology for a human Economy” organizzata dalla Fondazione Centesimus Annus – Pro Pontifice, nell’ambito del panel “What a company working in the energy sector can do”.

C’è bisogno – ha sottolineato – di un approccio “integrale”, un approccio di filiera, come quello adottato dall’Eni, che è determinata a “contribuire a tutti gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda Onu 2030”.

Il manager ha affermato che le società come l’Eni hanno competenze e tecnologie per produrre energia verde ed efficiente e ridurre il footprint di carbnonio, in un percorso che, partendo dalle risorse naturali, consente di diversificare, per giungere a prodotti completamente decarbonizzati.

Descalzi poi sottolineato che occorre investire in ricerca e tecnologia per attuare una “rivoluzione equa ed innovativa”. Di qui il tema dei Paesi sviluppati (oggi responsabili di circa il 60% delle emissioni di CO2, se consideriamo l’OCSE+Cina), che devono promuovere un modello basato sulla diffusione di tecnologie a zero o a basso impatto carbonico, sull’ottimizzazione dei consumi energetici e sull’economia circolare. In quelli in via di sviluppo, devono favorire l’accesso a un’energia accessibile e affidabile, facendo leva sulle risorse locali, come il gas e le energie rinnovabili, e investendo nella costruzione delle relative infrastrutture.

“Occorre dunque fare sistema, è necessario che tutti gli attori facciano la propria parte, lavorando in maniera complementare: dalle istituzioni ai governi, che devono investire nello sviluppo sostenibile, fino ad arrivare ai soggetti privati e alla società civile, che deve ottimizzare i consumi”. E’ necessario quindi un coordinamento e gli organismi internazionali, come le Nazioni Unite, sono indispensabili per garantire crescita e sostenibilità.

L’Ad d Eni ha messo il punto anche sulla necessità di una regolamentazione e di un sistema fiscale omogeneo. L’Europa – ha affermato “sta facendo molto per ridurre le emissioni”, ma è una “piccola parte”. “Abbiamo bisogno di una collaborazione di tutti i Paesi in ambito OCSE – ha concluso altrimenti è un’azione di breve respiro”

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Eni, Descalzi: “Approccio integrato e filiera cruciali per svilu...