Eni chiude il 2016 con una perdita ridotta e torna in utile nel 4° trimestre

(Teleborsa) – Eni chiude l’esercizio 2016 con una forte riduzione del rosso, evidenziando una perdita di 1,464 miliardi di euro rispetto agli  8,778 miliardi del 2015. L’utile adjusted è stato pari a 340 milioni.

Stabile la produzione che si attesta a 1,76 milioni di barili al giorno. L’utile operativo adjusted è scivolato del 48% a 2,32 miliardi di euro, a causa soprattutto del calo delle quotazioni petrolifere, che hanno avuto un impatto negativo valorizzato in 3,3 milioni di euro, e del fermo in Val d’Agri.

I risultati del 4° trimestre evidenziano un ritorno all’utile, con un risultato netto di 340 milioni, grazie al successo dell’attività di esplorazione e produzione (E&P), mentre l’utile adjusted si è attestato a 459 milioni, positivo dopo cinque trimestri condizionati dal downturn petrolifero La produzione nel periodo è calata dell’1,5% a 1,86 milioni di barili al giorno. 

L’indebitamento finanziario netto  al 31 dicembre 2016 era di 14,8 miliardi di euro. 

“Con questo bilancio – ha commentato Descalzi – si chiude un triennio durante il quale Eni ha completato un processo di profondo cambiamento che ha consentito di affrontare un contesto tra i più difficili nella storia dell’industria oil&gas, rilanciando le prospettive di crescita e preservando la solidità patrimoniale del gruppo”. ”

Eni proporrà alla prossima assemblea un dividendo di 0,8 euro per azione.

Quanto alle prospettive, la società del Cane a sei zampe prevede per il prossimo quadriennio una crescita media della produzione del 3%. Maggiori dettagli saranno però forniti dal numero uno Caludio Descalzi, nel corso della conference call che si terrà oggi a Londra, dove verrà presentati il nuovo piano strategico e definita la politica di remunerazione agli azionisti.

Il CdA di Eni ha anche deliberato la possibile emissione di uno o più bond, da collocare presso investitori istituzionali, per un ammontare complessivo non superiore ai 2 miliardi di euro, da emettersi in una o più tranches entro il 31 dicembre 2018.

Eni chiude il 2016 con una perdita ridotta e torna in utile nel 4°&nb...